Domenica 14 Luglio 2024

Oligarca ucraino Kolomoisky incriminato per frode

Nel mirino le sue partecipazioni nel petrolio e nel gas

Oligarca ucraino Kolomoisky incriminato per frode

Oligarca ucraino Kolomoisky incriminato per frode

L'oligarca ucraino Igor Kolomoisky è stato incriminato formalmente per presunta manipolazione finanziaria delle sue partecipazioni nel settore del petrolio e del gas: lo riportano i media ucraini. Su Kolomoisky pesa il sospetto di frode e di aver riciclato oltre 500 milioni di corone (12,5 milioni di euro) tra il 2019 e il 2020. L'oligarca controllava Ukrtatnafta, la più grande società di raffinazione dell'Ucraina, fino a quando non è stata sequestrata dal governo a novembre, poiché considerata una risorsa nazionale critica durante la legge marziale. L'anno scorso la società si è rifiutata di pagare 3,2 miliardi di corone di tasse, scrive Rbc-Ucraina. Kolomoisky possedeva anche oltre il 40% di Ukrnafta, un'azienda di estrazione di petrolio e gas, attraverso molteplici società più piccole nella sua orbita. L'anno scorso lo Stato ucraino ha sequestrato anche questa società. Nel 2016, il governo ha inoltre nazionalizzato PrivatBank, la più grande banca del Paese: quando Kolomoisky ne era co-proprietario, le attività fraudolente della banca avevano lasciato un buco di 5,1 miliardi di euro nel suo bilancio.