Domenica 21 Luglio 2024

L'Economist con un deambulatore in copertina, 'Biden si ritiri'

'Un'agonia vedere un uomo anziano confuso durante il dibattito'

L'Economist con un deambulatore in copertina, 'Biden si ritiri'

L'Economist con un deambulatore in copertina, 'Biden si ritiri'

Per il settimanale The Economist, è giunto il momento che Joe Biden si ritiri dalla corsa alla Casa Bianca. "Il dibattito presidenziale è stato terribile per Joe Biden - scrive la rivista britannica, che in copertina pubblica la foto di un deambulatore con il simbolo del presidente degli Usa - È stata un'agonia vedere un uomo anziano confuso lottare per ricordare parole e fatti. La sua incapacità di sostenere un'argomentazione contro un avversario debole è stata scoraggiante. Ma l'operazione della sua campagna per negare ciò che decine di milioni di americani hanno visto con i propri occhi è più tossica di entrambe, perché la sua disonestà provoca disprezzo". "Biden è esente da colpe per le sue capacità in declino, ma non per la sua insistenza, supportata dalla sua famiglia, dai suoi alti collaboratori e dall'élite democratica, che sia ancora in grado di svolgere il lavoro più difficile del mondo. La sua affermazione che questa elezione sia tra giusto e sbagliato è rovinata dal fatto che l'esistenza della sua campagna dipende ora da una menzogna". L'Economist cita poi tutte le conseguenze negative per l'America, se dovesse eleggere un presidente con crescenti difficoltà. E in tutto questo, la politica americana non avrebbe alcuna chance di rinnovarsi, cosa di cui ha bisogno urgente, secondo la rivista. Ma "c'è un'altra opzione. Biden dovrebbe ritirarsi dalla campagna. In questo modo, l'elezione potrebbe rinnovare il corpo politico. La virtù della democrazia è che gli elettori possono scegliere i loro governanti, ma Biden e Trump offrono una scelta tra l'incapace e l'indicibile. Gli americani meritano di meglio". "L'Economist ha detto per la prima volta nel 2022 che Biden non avrebbe dovuto cercare la rielezione perché era troppo vecchio", ricorda il settimanale. "Un candidato nuovo avrebbe poco più di dieci settimane dopo la convention per fare la sua proposta. Tale candidato potrebbe perdere, ovviamente, anche se in quel caso la catarsi del sacrificio di Biden contribuirebbe a ristabilire la politica americana. Ma crediamo che avrebbe una buona possibilità di vincere, una migliore di Biden, anche se il candidato fosse Kamala Harris, la sua vicepresidente relativamente impopolare. Altri candidati sarebbero adatti a governare e, con l'eccezione di Harris, priverebbero Trump dei suoi argomenti più forti contro Biden: la responsabilità per l'inflazione, l'immigrazione e la presunta caccia alle streghe che ha portato alla sua incriminazione. Il rinnovamento dell'America deve iniziare ora. Non potrebbe esserci modo migliore che scegliere un nuovo candidato per sconfiggere Trump".