Israele alza lo stato di allerta al confine con il Libano

L'esercito israeliano ha chiuso al traffico ampie porzioni della Alta Galilea e posti di blocco sono stati istituiti. 80 mila israeliani hanno dovuto sfollare. I loro rappresentanti ribadiscono che non torneranno fino a quando gli Hezbollah non saranno allontanati.

Israele alza lo stato di allerta al confine con il Libano

Israele alza lo stato di allerta al confine con il Libano

L'esercito israeliano ha ulteriormente aumentato oggi il livello di allerta al confine con il Libano e ha chiuso al traffico ampie porzioni dell'Alta Galilea. Sono stati istituiti posti di blocco in una decina di importanti incroci stradali, tra cui Sasa, Baram, Banyas e Naftali. Le principali città dell'Alta Galilea, Kiryat Shomona e Metulla, sono completamente deserte. Molti edifici sono stati danneggiati dai colpi di fuoco provenienti dal Libano. Dall'inizio della guerra, 80 mila israeliani residenti nei pressi del confine con il Libano sono stati costretti a lasciare le loro case. I loro rappresentanti sostengono che non torneranno in quelle località fino a quando gli Hezbollah non saranno allontanati dall'area di confine.