Interesse pubblico per lo sviluppo agricolo, Mattarella

La Costituzione italiana prevede l'obbligo di coltivare la terra per soddisfare i bisogni della popolazione uscita stremata dalla guerra. L'art. 47 favorisce l'accesso alla proprietà diretto coltivatrice per un interesse generale superiore alle relazioni economiche bilaterali.

Mattarella, c'è interesse pubblico a sviluppo agricoltura
Mattarella, c'è interesse pubblico a sviluppo agricoltura
L'obiettivo primario della previsione costituzionale era quello di aumentare la produzione agricola per soddisfare le esigenze della popolazione, uscita provata dalla guerra. Per questo motivo, l'articolo 47 dispone che "la Repubblica favorisce l'accesso alla proprietà diretto coltivatrice". Si tratta di un interesse generale che supera le normali relazioni economiche bilaterali. La Costituzione definisce l'interesse pubblico allo sviluppo razionale delle coltivazioni agricole, considerato degno di tutela. Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando all'Assemblea generale di Confagricoltura.