Venerdì 12 Aprile 2024

I senegalesi in gran numero alle urne per eleggere il presidente

Sia l'oppositore Faye sia il filogovernativo Ba certi di vincere

I senegalesi in gran numero alle urne per eleggere il presidente

I senegalesi in gran numero alle urne per eleggere il presidente

I senegalesi si sono presentati oggi in gran numero ai seggi elettorali per eleggere il loro quinto presidente in una votazione con un risultato del tutto imprevedibile dopo tre anni di disordini e crisi politiche. Il candidato antisistema Bassirou Diomaye Faye si è detto "convinto" della sua vittoria al primo turno, presentandosi come l'incarnazione della "rottura". "Rimango fiducioso nella scelta per la rottura che posso incarnare meglio di qualsiasi altro candidato", ha detto insieme alle sue due mogli dopo aver votato nel suo villaggio di Ndiaganiao a ovest del Paese. "Resto convinto che queste elezioni si decideranno al primo turno", ha aggiunto. Dello stesso avviso anche il candidato del governo senegalese alle presidenziali, Amadou Ba, che si è detto "molto fiducioso" di avere in tasca la vittoria già al primo turno. Dopo aver votato a Dakar ha affermato che il voto nel Paese sta andando "molto bene" e che "non c'è dubbio che alla fine di oggi dovremmo conoscere il prossimo presidente della Repubblica". La votazione terminerà alle 18 ora locale ed i risultati provvisori potrebbero essere resi noti durante la notte, mentre i primi risultati ufficiali sono attesi nel corso della prossima settimana. Circa 7,3 milioni di elettori sono registrati nella nazione dell'Africa occidentale dove sono emersi due favoriti: l'ex primo ministro della coalizione di governo Amadou Ba e il candidato anti-establishment Bassirou Diomaye Faye. Entrambi una volta erano ispettori fiscali, ma ora sembrano avere poco in comune. Ba, 62 anni, offre continuità mentre Faye, 43 anni, promette un cambiamento profondo e un panafricanismo di sinistra. Sebbene entrambi abbiano affermato che otterranno una vittoria al primo turno, un secondo turno sembra probabile con altri 15 candidati in campo, tra cui una sola donna. Le elezioni vengono seguite con molta attenzione dalle cancellerie occidentali, in special modo dalla Francia, ex potenza coloniale , poiché il Senegal è considerato uno dei Paesi più stabili in un'Africa occidentale scossa dal colpi di stato. Dakar mantiene forti relazioni con l'Occidente mentre la Russia rafforza le sue posizioni nei Paesi confinanti. La società civile, l'Unione africana, la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (Cedeao-Ecowas) e l'Unione europea stanno inviando centinaia di osservatori. Inizialmente il voto dei senegalesi era previsto per il 25 febbraio, ma il rinvio del voto ha scatenato violenze che hanno provocato la morte di quattro persone. Diverse settimane di violenza e forti tensioni politiche hanno messo a dura prova la democrazia del Senegal, fino a quando non è stata decisa come data per il voto la giornata del 24 marzo. La campagna è stata ridotta a due settimane, a metà del mese di digiuno musulmano. Il presidente uscente Macky Sall, in carica da 12 anni e ampiamente rieletto nel 2019, non si è candidato alla rielezione.