Giudici, illegittime le trascrizioni di figli di coppie di donne

Corte appello di Milano accoglie il ricorso della Procura

Giudici, illegittime le trascrizioni di figli di coppie di donne
Giudici, illegittime le trascrizioni di figli di coppie di donne

La sezione famiglia della Corte d'Appello civile di Milano ha accolto il ricorso della Procura milanese contro i decreti del Tribunale che, il 23 giugno scorso, hanno di fatto ritenuto valide le trascrizioni dei riconoscimenti dei figli di tre coppie di donne, nati con procreazione assistita effettuata all'estero. I giudici di secondo grado, dunque, hanno dichiarato illegittime le iscrizioni "sul Registro degli atti di nascita della doppia maternità del bambino". "La corte riconosce che la materia di cui si tratta richiede l'intervento del Legislatore, unico soggetto capace di operare un articolato disegno normativo idoneo a declinare in modo corretto i diritti dei soggetti coinvolti nella vicenda procreativa umana medicalmente assistita, realizzando il bilanciamento di diritti di rango costituzionale che non devono venire a trovarsi in conflitto tra loro, ivi inclusi quelli del nascituro, soggetto capace di diritti, nel suo essere e nel suo divenire". Lo scrive la Corte d'Appello di Milano, in un comunicato della Presidenza, riassumendo i contenuti del provvedimento con cui i giudici di secondo grado oggi hanno dichiarato "illegittima l'iscrizione sul Registro degli atti di nascita della doppia maternità del bambino" per i casi di tre coppie di donne.