Mercoledì 24 Luglio 2024

Derna, manifestanti incendiano casa del sindaco

Ieri sera, manifestanti infuriati hanno dato fuoco all'abitazione del sindaco di Derna, la città libica devastata dalle inondazioni che hanno provocato migliaia di morti. Proteste contro le autorità e richieste di individuare le responsabilità del disastro. Primo ministro licenzia membri del consiglio municipale.

Derna, manifestanti incendiano casa del sindaco

Derna, manifestanti incendiano casa del sindaco

Nella tarda serata di ieri, manifestanti infuriati hanno dato fuoco all'abitazione del sindaco di Derna, la città libica devastata dalle inondazioni che hanno provocato migliaia di morti, come riportato dal Guardian. Abdulmenam al-Ghaithi era sindaco fino alla scorsa settimana, ma, secondo quanto riferito da un ministro del governo libico orientale, il primo cittadino di Derna è stato sospeso dal suo incarico in seguito all'alluvione. Ieri nella città, centinaia di persone hanno protestato sfogando la loro rabbia contro le autorità e hanno chiesto che vengano individuate le responsabilità del disastro che ha cancellato interi quartieri. Al Gaithi era stato sospeso in attesa delle conclusioni dell'inchiesta sul disastro provocato dalle inondazioni a Derna in cui si stima siano morte 11.300 persone e disperse altre 10.000, secondo la Mezza Luna Rossa libica. Lo stesso Al Gaithi aveva dichiarato che il numero di vittime poteva raggiungere le 20.000. Secondo il governo di unità nazionale, con sede a Tripoli, le inondazioni provocate dalle piogge torrenziali abbattutesi domenica soprattutto sul nordest del Paese, come riportato dal Guardian, hanno totalmente distrutto quasi 900 edifici e Derna, dove sono crollate due dighe riversando oltre 33 milioni di litri d'acqua in un solo giorno, hanno parzialmente danneggiato altri 200 edifici e sommerso completamente dal fango altri 400, colpendo in pratica l'intero patrimonio edilizio. Ieri sera, oltre al sindaco Abdulmenam al-Gaizthi, i manifestanti hanno anche preso di mira alcuni funzionari, tra cui il capo del parlamento libico orientale, Aguila Saleh, durante una manifestazione davanti alla moschea Sahaba, come riferito dal Guardian. Alcuni sedevano sul tetto davanti alla cupola dorata, un punto di riferimento di Derna. Il governo della Libia orientale ha dichiarato che il primo ministro Usama Hamad ha licenziato tutti i membri del consiglio municipale di Derna, attualmente sottoposti a indagini. "Aguila non ti vogliamo. Tutti i libici sono fratelli", hanno cantato i manifestanti, chiedendo l'unità nazionale in un Paese lasciato politicamente fratturato da oltre un decennio di conflitto e caos.