Bill Gates, fondatore di Microsoft Corporation, alla commissione europea, luglio 2021
Bill Gates, fondatore di Microsoft Corporation, alla commissione europea, luglio 2021

Roma, 5 ottobre 2021 - Oggi è il grande giorno: Microsoft Windows 11 disponibile, gratuitamente, per tutti. O quasi. Già, perché al momento di scaricare l'aggiornamento, diversi utenti affezionati al sistema operativo più diffuso al mondo hanno avuto una spiacevole sorpresa. Fioccano le segnalazioni di "Cpu non compatibile", oppure "Requisiti minimi non soddisfatti". Come mai? La risposta è semplice: Windows 11 è sì valido per tutti, ma a partire da chi già possiede delle macchine con caratteristiche ben specifiche, abbastanza recenti. Tutti gli altri dovranno aspettare. Nello specifico, i famosi "requisiti minimi" da rispettare sono:

  • licenza Windows 10 e software Windows 10 versione 2004 o successiva;
  • processore a 64 bit, minimo dual core da 1 GHz;
  • ram da 4 gb e memoria da 64 gb;
  • scheda video compatibile con DirectX 12 o successiva;
  • uno schermo con display hd maggiore di 9 pollici;
  • il PC deve avere almeno 9 GB di spazio libero su disco, per poter scaricare l'aggiornamento.

Scoperto l'arcano, vediamo quali sono le novità di Windows 11.

Il design

Una su tutte: l'iconico pulsante 'Start' posizionato al centro della barra applicazioni, non più a sinistra. Poi tornano gli Widgets, dimenticati dai tempi di Windows Vista del 2007: le finestre grafica di interfaccia utente che permettono di lavorare più rapidamente con le applicazioni. E ancora i suoni di elaborazione del software cambiati e un feed personalizzato che consente di visualizzare contenuti su misura direttamente sul desktop, basta un click o uno swipe-left (scorrimento da sinsitra). Non tutti gli utenti del web hanno reagito con esaltazione a questo nuovo look.

Multitasking

Tra le altre cose, è introdotta la possibilità di impostare desktop differenti e layout a tre colonne. In questo modo si potrà lavorare contemporaneamente su tutti i contenuti necessari e, se serve, personalizzare più schermate desktop con applicazioni differenti. 

Le call con Microsoft Teams

Forse complice l'anno e mezzo di pandemia e lo smartworking, con Windows 11 l'app di Microsoft Teams diventa parte integrante della barra applicazioni, così sarà più veloce connettersi con altri utenti di Windows, Mac, Android e iOS. Inoltre Microsoft Store, la piattaforma di distribuzione digitale, diventa punto di accesso unico per ogni app e strumento di ricerca per tutti i contenuti.

Inclusività

Buone notizie per non-vedenti o quasi, non-udenti e per coloro che in generale faticano con le lingue straniere. Con Windows 11 arrivano:

  • Narrator, lo strumento di lettura dello schermo;
  • Magnifier, il software che permette di ingrandire porzioni di schermo;
  • Closed Captions, che traduce in testo il contenuto visuale e fornisce sottotitoli;
  • Windows Speech Recognition, che permette di trasformare in testo e comandi del computer quello che una persona dice. 

E per gli appassionati di videogiochi?

Il mondo del gaming è diventato una frontiera importante di innovazione tecnica e l'aggiornamento Windows 11 se ne è ricordato. Ecco allora l'Auto Hdr, il supporto per il DirectStorage e l'app Xbox direttamente nel PC.