Lunedì 22 Luglio 2024
Redazione
Tech

Cambia ancora il digitale terrestre: le date, le tecnologie e cosa fare per non perdere i canali Rai

Dal 1° Settembre trasmissioni Rai con nuovo Standard DVB-T2: ecco tutto quello che bisogna sapere e fare

Rai, ancora cambi al digitale terrestre

Rai, ancora cambi al digitale terrestre

Il 2024 si prospetta come l'anno decisivo per l'atteso switch-off completo alla nuova tecnologia del digitale terrestre, il Dvb-T2. Nonostante il suo avvenimento fosse previsto già da un anno, diversi ritardi hanno caratterizzato il percorso di transizione, ma ora sembra che il cambiamento sia imminente.

Multiplex: L'Avanzamento Tecnologico

Il cuore della transizione è rappresentato dal nuovo standard chiamato Multiplex (Mux) del digitale terrestre. Questa tecnologia permette la trasmissione dei segnali televisivi e radiofonici nel nuovo digitale. Attualmente, siamo nella fase di transizione dal Dvb-T1 al Dvb-T2. Questo avanzamento tecnologico consente un utilizzo più efficiente delle frequenze e la creazione di pacchetti che includono più canali e trasmissioni all'interno dello stesso Multiplex. Sebbene possa sembrare un dettaglio tecnico, per gli operatori del settore rappresenta un passo avanti significativo.

Date Cruciali

Secondo le recenti dichiarazioni di Stefano Ciccotti, direttore delle tecnologie a Viale Mazzini, il 1° settembre sarà una data chiave. In quel giorno, i tre principali canali della tv pubblica, Rai 1, Rai 2 e Rai 3, passeranno al nuovo standard Dvb-T2. Tuttavia, le date precise per gli altri canali non sono ancora state annunciate.

Aggiornamenti necessari per non perdere i canali Rai

Per chiunque utilizzi una TV o un decoder non compatibile con il nuovo standard, è fondamentale prendere provvedimenti prima che alcuni canali Rai non siano più visibili. Inizialmente, i tre principali canali saranno mantenuti anche sul digitale terrestre "vecchio" (Dvb-T1). Tuttavia, la transizione è necessaria, poiché metà delle TV italiane (circa 14 milioni su quasi 28 milioni) risulta inutilizzabile senza l'adozione di un decoder o di una TV compatibile con il Dvb-T2.

Conclusioni: prepararsi per il futuro

Sebbene le date esatte per il passaggio di tutti i canali al nuovo digitale terrestre siano ancora indefinite, è consigliabile iniziare fin da ora ad adattarsi al cambiamento imminente. Controllare la compatibilità della propria TV o decoder e prendere le necessarie misure garantirà una transizione agevole al nuovo standard, evitando la perdita di accesso ai canali Rai e godendo di tutte le nuove opportunità offerte dalla tecnologia Dvb-T2.