Valencia, 18 settembre 2018 - Riflettori puntati sull'Estadio de Mestalla per la sfida che domani, mercoledì 19 settembre, vede i padroni di casa del Valencia ospitare la Juventus di Massimiliano Allegri (fischio d'inizio alle 21) nel match valevole per la prima giornata della Champions League 2018/19. Debutto europeo con la maglia bianconera per Cristiano Ronaldo che, dopo essersi sbloccato in campionato grazie alla doppietta messa a segno contro il Sassuolo, deve rispondere alla tripletta messa a segno dal rivale Leo Messi nel match tra Barcellona e Psv. Il portoghese è il marcatore più prolifico della storia della competizione grazie alle 120 reti segnate sinora e rappresenta sicuramente un fattore importante nella rincorsa del club piemontese alla tanto agognata vittoria finale. Nessuna sanzione disciplinare da parte di Allegri nei confronti di Douglas Costa, il brasiliano è tra i convocati della sfida dopo il brutto episodio che l'ha visto protagonista nell'ultima uscita di campionato.

Alice Campello (Instagram)

DOVE VEDERLA IN TV - La partita tra Valencia e Juventus è disponibile in esclusiva su Sky ai canali Sky Sport (253) e Sky Sport Arena (204). Per quanto riguarda lo streaming, è possibile per gli abbonati seguire il match tramite il servizio Sky Go.

Valencia-Juventus, segui la diretta

Queste le probabili formazioni:

Valencia (4-4-2): Neto; Gayà, Diakhaby, Gabriel, Piccini; Guedes, Cheryshev, Parejo, Soler; Rodrigo, Gameiro. Allenatore: Marcelino.

Juventus (4-3-3): Szczesny, Cuadrado, Bonucci, Chiellini, Cancelo; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Cristiano Ronaldo, Mandzukic. Allenatore: Allegri.

Real Madrid-Roma, dove vedere la Champions League in tv

ALLEGRI: "NOI FAVORITI? BISOGNA FARE UN PASSO ALLA VOLTA" - "Sicuramente siamo tra le 4 o 5 favorite, ma non serve a nulla dirlo. Serve calma e bisogna fare un passo alla volta. Il nostro obiettivo è rimanere stabilmente nelle prime 4, ma la Champions è una competizione strana, in cui basta un episodio per cambiare tutto. Perciò, prima di tutto dobbiamo pensiamo a domani, visto che non sarà una partita semplice, contro un avversario complicato e in uno stadio difficile". Queste le parole dell'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, nella consueta conferenza stampa alla vigilia del match che vede i bianconeri affrontare il Valencia al Mestalla. "Domani serve una partita da grande squadra – ha proseguito il tecnico - e da domani dipende tanto del cammino in Champions. Se domani il risultato sarà positivo il cammino sarà agevole, con un pareggio saremo messi bene, in caso negativo il girone sarà in salita".

Inter-Tottenham 2-1, rimonta-show in Champions League

Qualche battuta anche sulla formazione da mandare in campo: "Dopo l’allenamento di stamattina ho ancora parecchi dubbi di formazione, e faccio fatica a lasciare fuori qualcuno. Di sicuro giocheranno Chiellini e Bonucci. Davanti giocheranno uno tra Mandzukic e Dybala. Bernardeschi puo’ giocare se Alex Sandro riposa, sposto Cancelo a sinistra e Cuadrado terzino. Dipenderà tanto da come deciderò di giocare a centrocampo. Spazio a una parentesi anche su Paulo Dybala, reduce da un inizio di stagione da riserva: "Dybala sta bene. Domenica ha fatto una buona partita tecnicamente e fisicamente. Sta crescendo di condizione come tutta la squadra. Stiamo tutti cambiando ritmi fisici e tecnici". Secondo Allegri, inoltre, l’arrivo di Cristiano Ronaldo "Ha fatto aumentare l'autostima perché è il migliore al mondo, che negli ultimi anni ha diviso con Messi i Palloni d'Oro e la classifica cannonieri della Champions. Però – spiega il tecnico bianconero - la Juventus ha giocato negli ultimi quattro anni due finali e in altri due casi è stata eliminata con gol all'ultimo minuto a Monaco e Madrid ed è ha già fatto un processo di crescita in autostima".

Infine, un commento sul brutto episodio che ha visto coinvolto Douglas Costa nel match di domenica scorsa contro il Sassuolo, occasione nella quale il fantasista brasiliano si è reso protagonista di una condotta estremamente antisportiva nei confronti di Di Francesco: "Ha avuto un attimo di black out che non dovrebbe capitare, ma che capita a tutti. Pagherà con quattro giornate, la società non farà ricorso. Diventa un mese e mezzo di sosta: noi abbiamo subito un danno a livello di squadra, lui ha subito uno shock perché è una cosa fuori dal suo comportamento di fair play assoluto che ha sempre mostrato sul campo. Di solito se gli passa accanto una mosca si scansa... Perciò è molto dispiaciuto, sorpreso e avrà occasione per dimostrare che non è stato un episodio che fa parte del suo carattere".