E’ un colpo al cuore, in tutti i sensi: Diego Ulissi, uno dei migliori ciclisti italiani, è costretto a fermarsi. I medici della Uae gli hanno riscontrato una miocardite, patologia che rischia di mettere fine alla sua carriera. Trentun anni, 38 successi da pro con otto tappe al Giro (le ultime due nell’edizione dello scorso ottobre), l’azzurro ora dovrà osservare un periodo di riposo assoluto, durante il quale svolgerà approfonditi accertamenti cardiaci. "Non aveva disturbi, ma il riscontro di extrasistoli nei controlli di routine ci ha portato a nuovi esami che hanno evidenziato l’infiammazione del tessuto miocardico, solitamente di origine virale", la spiegazione del dottor De Grandi, medico del team. "E’ un fulmine a ciel sereno: non ho avuto segnali, mi sentivo bene. Ero felice per aver concluso la mia miglior stagione di sempre, ora affronterò uno stop imprevisto. La priorità è la salute, la vita non finisce con il ciclismo", dice Ulissi.