Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 gen 2022

Tutti tifano Goggia: "Accetto i piani di Dio"

La campionessa infortunata spera di farcela per le Olimpiadi, Chechi la incoraggia: "Il problema non è il dolore. Le sono vicino"

25 gen 2022
gianmario bonzi
Sport
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social
Sofia Goggia dopo l’incidente. è arrivata al traguardo sulle sue gambe. Nel riquadro il post pubblicato ieri sui social

di Gianmario Bonzi Da "tutti virologi" a "tutti esperti di sci alpino" è un attimo. Parrebbe. Anche se non è detto sia un male, visto quanto questo sport necessiterebbe di nuovo seguito. La forza di Sofia Goggia è proprio questa: smuove le masse, crea empatia con le gente, fa discutere, sognare e disperare, come capitato, in passato, solo ad Alberto Tomba. Ed è comunicativa in maniera fenomenale. A Cortina, dopo il successo tremolante, ma emozionante in discesa, aveva parlato di "vittoria più bella della mia vita, per un milione di cose, eccetto forse la sciata", un ossimoro geniale. Ieri ha tirato in ballo addirittura l’Altissimo, sui social: "Se questo è il piano di Dio per me, io altro non posso fare che spalancare le braccia, accoglierlo e accettarlo. E andare avanti, nel cammino. Grazie a tutti". Folla impazzita, alla prossima comunicazione, e #MolaMia hashtag ormai di moda per tutti. Godiamoci una campionessa così amata, senza dimenticare, ci sia concesso, che una caduta sugli sci è anche figlia di un errore, e non è solo sfortuna. Sfortuna è farsi sempre male, dopo. Purtroppo. Il toto-presenza olimpica già impazza: ci sarà, non ci sarà, quali gare farà? Dalle stanze segrete della FISI spunta solo un "15% di possibilità che la bergamasca possa essere davvero in gara ai Giochi", mentre altre voci parlano invece di una chance anche per il superG (previsto l’11 febbraio, la discesa è il 15). Una mano dal passato: il francese Pierre Vaultier vinse l’oro olimpico ai Giochi di Sochi 2014 nello snowboard cross due mesi dopo la rottura (completa) dei legamenti crociati anteriori in un ginocchio. Qui peraltro siamo al legamento lesionato, come Giovanna Trillini, che poi, grazie a un tutore, riuscì comunque a gareggiare e a vincere l’oro a Barcellona 1992, nel fioretto. Se il volo verso la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?