Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 lug 2022
angelo costa
Sport
21 lug 2022

Tour de France, Pogacar in volata ma Vingegaard tiene

21 lug 2022
angelo costa
Sport

di Angelo Costa

Sugli ultimi due colli di una tappa pirenaica che fila a velocità supersonica, di Pogacar ce ne sono due: quello originale e il suo compagno McNulty, in versione skilift di lusso. Non basta per far perdere la testa a Vingegaard, che sale con l’aria di chi sta prendendo il the coi pasticcini nonostante il suo rivale gli abbia fatto saltare in aria la squadra: che la maglia gialla sia in grado di far da sola è un segnale, specialmente con il ridursi della strada di qui a Parigi.

Di segnali ne manda uno anche Pogacar, a suo agio con temperature di nuovo nella norma: non tanto perché con l’abituale volata sul danese si porta a casa la terza vittoria di tappa in questo Tour e qualche spicciolo d’abbuono, quanto perché sulle salite sembra accontentarsi dell’andatura dei compagni e non attacca. O meglio, lo fa in cima alla penultima, rischiando solo di giocarsi lo straordinario McNulty. Delle due, l’una: o il bimbo sloveno ha capito di non avere più benzina del signore in giallo, oppure ha lavorato pensando al giorno dopo, cioè oggi. Da Lourdes a Hautacam, tappa ancora breve (143 km) e salite più cattive, col lunghissimo Aubisque e l’arrampicata finale: è la resa dei conti e ci sta che le tossine presentino il loro.

"Il Tour non è finito: io ci credo ancora, finché ci sarà strada per farlo attaccherò", promette uno stremato Pogacar, che ormai di squadra non può più parlare: col ritiro di Majka, strappatosi un muscolo il giorno prima quando gli si è rotta la catena In salita, in pratica gli sono rimasti McNulty e Bjerg, anche lui ottimo, visto che Hirschi è stato aggregato all’ultimo momento per far numero. Mentre i primi due in classifica e il loro apripista americano scalano le montagne a suon di record, il resto della corsa un po’ si sbriciola: che l’ultimo a cedere sia il veterano Thomas, a 23 dall’arrivo, spiega abbastanza della differenza fra chi si sta giocando il trono di Parigi e chi invece sta correndo il Tour dei terrestri.

Ordine d’arrivo 17ª tappa Saint Gaudens-Peyragudes di 130 km: 1) Tadej Pogacar (Slo, Uae) in 3h 25’51’’ (media 37,804), 2) Vingegaard (Dan) st, 3) McNulty (Usa) a 32’’, 4) Thomas (Gbr) a 2’07’’, 5) Lutsenko (Kaz) a 2’34’’, 6) Bardet (Fra) a 2’38’’, 14) Ciccone a 5’20’’.

Classifica: 1) Jonas Vingegaard (Dan, Jumbo) in 67h 53’54’’, 2) Pogacar (Slo) a 2’18’’, 3) Thomas (Gbr) a 4’56’’, 4) Quintana (Col) a 7’53’’, 5) Gaudu (Fra) a 7’57’’, 6) Bardet (Fra) a 9’21’’, 22) Caruso a 1h 07’38’’.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?