Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Torna il mito dell’Azteca mondiale tra Rivera, Pelè e Maradona

20 giu 2022
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»
Italia-Germania del 1970: non fu una finale e non assegnò un titolo ma nell’immaginario collettivo è questa la «Partita del secolo»

Mattia Todisco

Il Lukaku-bis sta per avverarsi. Una trattativa che sembrava ai limiti del possibile fino a qualche settimana fa è vicina al suo ufficiale compimento. Il Chelsea ha risposto con una controproposta da 10 milioni più una serie di bonus legati ai risultati di squadra alla prima offerta da 5 milioni presentata dall’Inter. Considerata la cessione (proprio ai Blues) avvenuta un anno fa a titolo definitivo per 115 milioni, è un’occasione che a Milano non pensavano certo si potesse presentare in queste modalità. Il pressing di Lukaku ha funzionato. Tornerà all’Inter con un ingaggio pari a quello che già aveva, usufruendo del Decreto Crescita potrà garantire un peso a bilancio dimezzato al lordo (come già è stato per la sua prima esperienza). Formerà, salvo future sorprese, un trio in rosa da top in Europa con Dybala e Martinez, il primo vicino a trovare un accordo con i nerazzurri e il secondo intenzionato più che mai a restare in squadra. Il resto del mercato delle milanesi è legato in questi giorni a quello del Psg. Il nuovo direttore sportivo, Luis Campos, è partito lancia in resta per acquistare Milan Skriniar. La prima offerta da 50 milioni è stata respinta, c’è una controproposta da 80 che crea una forchetta da ridurre. Dall’eventuale partenza del centrale, che avverrà presumibilmente a quota 70 milioni (se e quando il PSG ci arriverà) l’Inter avrà un guadagno da reinvestire per il sostituto designato, Gleison Bremer. Il brasiliano si è promesso ai vice-campioni d’Italia, manca l’accordo tra i club. Cairo spera di poter monetizzare grazie al forte interesse di società come Tottenham o Milan. In difesa potrebbe arrivare anche Milenkovic, in settimana sbarcheranno anche Mkhitaryan e Asllani per il centrocampo. I parigini c’entrano anche con il mercato del Milan. In attesa di ufficializzare i rinnovi di Maldini e Massara, i rossoneri non sono riusciti a mettere del tutto le mani sui giocatori a cui stanno facendo la corte da tempo. È certo l’arrivo a parametro zero di Origi, non ancora quello di Renato Sanches dal Lille, anche perché proprio il Psg vorrebbe offrire 30 milioni di euro. Praticamente il doppio rispetto al Milan. Se Skriniar non arriverà una delle alternative è Botman, altro obiettivo del Diavolo. E ancora, Paul Pogba: in questo caso, buon per la Juve, il PSG sembra essersi ritirato dalla corsa.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?