7 mar 2022

Tirreno-Adriatico, il via da Lido di Camaiore L’uomo da battere è Tadej Pogacar

Vincitore un anno fa, fresco dominatore sulle Strade Bianche, Tadej Pogacar (foto) è ovviamente l’uomo da battere in una Tirreno-Adriatico che non propone arrivi in salita, ma solo tappe nervose. Fra i due mari il bimbo sloveno punta a mantenere la forma per giocarsi la Sanremo fra un paio di sabati: correndo sempre per vincere, ci sta che si ripeta. Quella che scatta oggi a Lido di Camaiore, con una crono di 14 chilometri che fa l’occhiolino a Pippo Ganna, è un’edizione meno tradizionale: inconsueta la partenza di lunedì, altrettanto la conclusione di domenica a San Benedetto del Tronto, con un arrivo per velocisti. In mezzo altre cinque frazioni fra Toscana, Umbria e Marche, con i ‘muri’ marchigiani e il Carpegna più morbido. A far classifica, sfidando Pogacar, proveranno Carapaz, Evenepoel e Vingegaard, firme di un cartellone con Sagan, Alaphilippe e i nostri Caruso, Fortunato, Ciccone e Viviani. Chi ha invece scelto la Parigi-Nizza, ha subito assistito allo show Jumbo, con la fuga nella tappa d’apertura di Laporte, Roglic e Van Aert giunti nell’ordine.

a. cos.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?