Viktoria Azarenka (foto ufficiale Twitter Us Open)
Viktoria Azarenka (foto ufficiale Twitter Us Open)

New York, 11 settembre 2020 - Deve rimandare ancora l’appuntamento con il record di slam vinti Serena Williams. La campionessa americana è stata sconfitta in tre set da Viktoria Azarenka nella semifinale degli Us Open in corso di svolgimento a Flushing Meadows con il punteggio di 1-6 6-3 6-3 in 1h53’ di gioco. Per la bielorussa sarà la quinta finale in un torneo del Grande Slam, la terza a New York. 

E dire che il primo parziale lasciava presagire tutt’altro, con un dominio nell'americana nella testa e nel gioco. Molto tesa all’inizio Azarenka con due doppi falli nel primo game e break immediato per Serena che, nonostante qualche errore, iniziava a comandare la partita da fondo evitando di farsi costringere alla difesa. In un quarto d’ora la Williams era già avanti 4-0, una ipoteca sul primo set che infatti addomesticava fino al 6-1 e senza particolari problemi. Poi la partita è improvvisamente cambiata, Azarenka salva subito una palla break a inizio secondo ma poi riprende fiato e coraggio e gli scambi salgono di intensità, Serena è costretta alla difesa laterale, suo punto debole, e al quinto game la bielorussa trova il suo tanto atteso break che la porta poi a comandare fino al 5-3. Break anche nell’ultimo game e un set pari. Anche nel terzo set Azarenka spinge da fondo e sovrasta Serena, soprattutto con il rovescio, mentre dall’altra parte arriva addirittura un time out medico per un problema alla caviglia, ma la bielorussa non si distrae e conquista immediatamente il break. Azarenka prende con intensità il volo, spinge i suoi colpi senza paura, veleggia sulle ali dell’entusiasmo e chiude set e partita con due servizi vincenti. Quinta finale slam per la bielorussa che appare ritornata la leonessa dei tempi migliori.