Lorenzo Musetti riceve trattamenti medici durante il match (Ansa)
Lorenzo Musetti riceve trattamenti medici durante il match (Ansa)

Roma, 18 settembre 2020 – L’Italia del tennis perde i due giovani Jannik Sinner e Lorenzo Musetti. L’altoatesino aveva perso in mattinata contro Dimitrov, mentre il diciottenne che tanto ha incantato contro Wawrinka e Nishikori ha pagato negli ottavi di finale tutta la stanchezza per i sei match giocati al Foro Italico ed è stato sconfitto in due set dal tedesco Koepfer. Il solo Berrettini si è qualificato ai quarti.

Partita ostica, anche a livello mentale, per Musetti che scende in campo da favorito, ma con meno energie del suo avversario. Il match inizia in salita con due palle break per Koepfer nel terzo game, Musetti concede il servizio con una volèe errata e un mortifero doppio fallo. Con tutte le sue forze Musetti prova a reagire e ha due palle break sul 3-2, ma il tedesco si salva con il servizio e con una risposta imprecisa dell’azzurro. Il tedesco conferma il vantaggio e sale 4-2 grazie anche al diritto mancino e carico di top spin che inchioda Musetti sul rovescio: Koepfer si mostra solido, l’italiano più falloso rispetto ai match precedenti e in poco tempo si arriva al 5-3. Sul 5-4 Koepfer, arriva un’altra palla break per Musetti, ancora una volta il tedesco annulla con servizio e schiaffo al volo e poi chiude il primo parziale 6-4.

La stanchezza di Musetti emerge, medical time out a inizio secondo set e subito palla break che Koepfer incamera con una smorzata errata dall’azzurro. Reazione di orgoglio per il diciottenne che si guadagna due palle del contro break, ma ancora una volta Koepfer annulla e scappa 2-0. Musetti è in difficoltà, non trova il suo gioco, non trova il comando delle operazioni e le rotazioni del tedesco conquistano un’altra palla break. Smorzata in rete e 3-0 per Koepfer che mette fieno in cascina e non si volta più. Non c’è partita nel secondo, Koepfer vola sulle ali dell’entusiasmo, Musetti, che ha disputato comunque un grande torneo, affonda sotto il peso della stanchezza. L’Italia si aggrappa dunque a Berrettini, rimasto l’unico in gara nei quarti. Vince il tedesco per 6-4 6-0 in 1h10’ e domani affronterà la testa di serie numero uno Novak Djokovic.