Roma, 11 giugno 2018 - Pugno duro del Tribunale Arbitrale dello Sport (Tas), che ha accolto il ricorso Nado Italia, e ha comminato dieci mesi di squalifica a Sara Errani, incrementando di molto il conto da pagare. Il Tas ha rivisto in maniera molto dura il presunto caso di doping della tennista azzurra, trovata positiva al letrozolo lo scorso agosto, e per questo subito sospesa due mesi dalla federazione internazionale. Uno stop contro il quale la Nado Italia (l’organizzazione nazionale antidoping) aveva fatto ricorso, ritenendolo un provvedimento di entità troppo lieve. Anche la tennista romagnola aveva presentato appello chiedendo il reintegro dei premi e dei punti che le erano stati tolti. La squalifica - già scontati due mesi - decorre ora dall'8 giugno per protrarsi fino all'8 febbraio 2019. La tennista romagnola dovrà pagare quattromila franchi svizzeri alla Nado e perderà tutti i risultati conquistati dopo il ritorno in campo.

"Non so se avrò voglia di rigiocare a tennis"

Durissime, a caldo, le prime parole della Errani a commento della squalifica. "Sono davvero nauseata da questa vicenda - scrive la campionessa azzurra su Twitter -.  Trovo una profonda ingiustizia e la voglio gridare a testa alta, perché so di non aver pù niente da rimproverarmi". Quindi lo sfogo più amaro: "Non so se avrò la forza e la voglia di rigiocare a tennis dopo tutto questo. Questo aumento di squalifica lo trovo una vergogna".

LA VICENDA - La Errani era stata squalificata dalla federtennis internazionale per due mesi ed era tornata in campo a ottobre al torneo di Tianjin. in Cina. "Un Tribunale Indipendente nominato ai sensi del Programma Antidoping 2017, si leggeva nel comunicato, ha rilevato che Sara Errani ha commesso una violazione del codice antidoping ai sensi dell'articolo 2.1 del programma e, di conseguenza, le ha tolto i risultati conseguiti e imposto un periodo di squalifica due mesi, a partire dal 3 agosto 2017". "Questi campioni - rilevava l'organo internazionale - sono stati inviati al laboratorio accreditato da Wada (Agenzia Mondiale Antidoping, World Anti-Doping Agency) a Montreal per l'analisi ed è risultato che contenessero letrozolo, che è un inibitore di aromatasi incluso nella sezione S4 (ormoni e modulatori metabolici) incluso tra le sostanze proibite".

Errani era stata privata dei risultati acquisiti tra il 16 febbraio (data della raccolta dei campioni) e il 7 giugno, con conseguente perdita dei punti nella classifica e dei premi vinti. La tennista romagnola si era difesa e aveva dato la colpa a un tortellino contaminato. "Noi non sappiamo esattamente come sia successo. Quella del tortellino l'unica opzione possibile perché abbiamo eliminato tutte le altre", aveva detto Errani dopo la prima squalifica, affermando di non essersi mai dopata, e che sua madre assumeva il letrozolo dal 2012.

BINAGHI - Manager Federtennis nazionale solidali con Sara: "Questa sentenza iniqua arrivata sei mesi dopo la data che lo stesso organo giudicante aveva annunciato rappresenta una grave violazione dei diritti dell'atleta, che si è vista privata della serenità necessaria a svolgere la sua professione di tennista ormai da un anno a mezzo, tutto a causa di una sostanza che lo stesso Tas ha valutato come singola ingestione involontaria. Sono convinto che Sara supererà questo momento difficile e la aspettiamo in campo". Così Angelo Binaghi, presidente Federtennis.