Camila Giorgi a Linz
Camila Giorgi a Linz

Linz, 14 ottobre 2018 - Una Camila Giorgi come non si era mai vista. Almeno in veste ufficiale. La tennista marchigiana si presenta ieri in conferenza stampa, dopo aver battuto in due set la belga Alison Van Uytvanck. Un 6-3, 6-4 che le consente di accedere alla finale del prestigioso torneo Wta di Linz, in Austria (montepremi 250mila euro), ultimo atto che oggi stravince (6-3; 6-1) con la russa Ekaterina Alexandrova in una partita senza storia.

RISATE A CREPAPELLE - Camila, 27 anni il prossimo 30 dicembre, mostra il consueto aplomb, rispondendo prima alle domande in inglese, poi a quelle in italiano.  Non si scompone, determinata in campo come quando affronta i giornalisti. Ma appena si entra nel dettaglio del match con la Van Uytvanck, il colpo di scena. La Giorgi scoppia a ridere, non riesce a trattenersi. "Ho giocato malissimo", sussurra mentre prova, invano, a ricomporsi. In sala stampa scoppia l'ilarità generale. "Disastroso", dice ancora senza riuscire a frenare le risa. "L'ho portata a casa, quindi a posto", aggiunge asciugandosi le lacrime (di ilarità). Il cronista la incalza: "Meglio vincere male che perdere bene". E lei: "Certo, concordo". Un siparietto divertente che in poche ore ha fatto il giro del web, tra appassionati di tennis e non. Lo trovate interamente qua sotto, in questo video, a partire dal minuto 4:49. 

LA FINALE - Oggi, invece, in campo c'è stato davvero poco da ridere. Quanto meno per la russa Ekaterina Alexandrova, numero 119 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni, spazzata via in due set con un perentorio 6-3;6-1. Match mai in discussione che consente alla Giorgi di salire 28/o posto della classifica Wta. E le lacrime, questa volta, sono solo di gioia. 

Djokovic batte Coric e vince a Shanghai. Balza al numero 2 e punta Nadal