Novak Djokovic (sx) e Roger Federer (Ansa)
Novak Djokovic (sx) e Roger Federer (Ansa)

Roma, 28 gennaio 2020 - Roger Federer vola in semifinale agli Australian open 2020 dopo aver battuto l'americano Tennys Sandgren (ATP 100) per 6-3, 2-6, 2-6, 7-6 (10/8), 6-3. Federer, come aveva già fatto venerdì nel match contro John Millman, ha compiuto un mezzo miracolo, recuperando lo svantaggio e poi aggiudicandosi la partita e l'accesso in semifinale. Partito bene al primo set, il campione basilese è poi passato in svantaggio, cedendo all'americano i due set successivi, persi per 6-2. Nella quarta frazione il basilese ha stretto i denti, riuscendo ad annullare sette match point allo statunitense, fino a portarsi in vantaggio e conquistare il set al tie break. Al quinto set lo svizzero ha chiuso i giochi, strappando il servizio all'avversario sul 3-2 e vincendo per 6-3.

"In certi momenti sono stato fortunato. Ho salvato sette match point e non sempre si ha il controllo della situazione. Ho cercato di non sbagliare, pensare un punto alla volta. Poi alla fine ho sentito via via un po' meno pressione. Oggi magari non meritavo di vincere ma sono felice", ha detto Federer, intervistato a caldo da Jim Courier dopo il successo in cinque set sullo statunitense Sandgren in cui ha salvato sette match point. "Sapete, ho giocato abbastanza tennis nella vita. Ho sentito un dolore all'inguine, avevo qualche problema in fase difensiva, anche se cercavo di non mostrarlo. Ho avuto un trattamento negli spogliatoi. Comunque non mi sentivo così male da pensare di lasciar perdere", ha aggiunto. "Ora ho due giorni per riposarmi o per recuperare, tornerò in campo senza particolari aspettative" per affrontare Milos Raonic o Novak Djokovic. "E' stato bello rivedere Milos in campo, bello che abbia dimostrato di valere una classifica molto migliore di quella che ha adesso. Anche se a Wimbledon mi ha inflitto una sconfitta dolorosa. Che succederà se dovessi perdere in semifinale? Andrò in Svizzera a sciare". 

Federer affronterà Novak Djokovic. Il numero 2 del mondo e seconda testa di serie, ha sconfitto il canadese Milos Raonic, numero 35 del ranking Atp e 32 del seeding, con il punteggio di 6-4, 6-3, 7-6 (7-1) in due ore e 40 minuti. Sarà la loro cinquantesima sfida diretta, con Djokovic che conduce 26-23.