Un talento e un predestinato: sono le due parole più usate dai media per Charlie Woods, il figlio undicenne di Tiger Woods, che si è preso la scena nel Pnc Championship, gara a coppie su 36 buche a cui hanno partecipato 20 campioni in squadra con un parente sul percorso del Ritz-Carlton Golf Club (par 72), a Orlando in Florida.

Il torneo è andato al team guidato da Justin Thomas (numero 3 del golf mondiale) che in coppia col papà-allenatore Mike, grazie a un giro finale show chiuso in 57 (-15) su un totale di 119 (-25) colpi, ha supera in volata l’accoppiata composta dal figiano Vijay Singh e dal figlio, secondi con 120 (-24). Ma in Florida a rubare la scena ai campioni in gara è stato Charlie Woods, che in coppia col padre-campione Tiger ha chiuso la competizione al 7° posto (124, -20).

Era il più giovane di tutti ed è stato capace, come lui, di stupire. La perla alla buca 3, un par 5, quando ha effettuato uno spettacolare e lungo secondo colpo con palla in bandiera e relativo eagle. Giocata che è finita sui social dove sta facendo il giro del mondo. "Mi ha reso orgoglioso", ha detto papà Tiger.