Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 mag 2022

Stadi piccoli per la passione

26 mag 2022

Paolo Grilli

Il calcio sospeso del lockdown non fece che accelerare, per molti, un processo inesorabile di svuotamento degli stadi a beneficio – si fa per dire – dei più incalliti tifosi da divano, liberi di vivisezionare ogni azione della partita grazie a immagini tv di mirabolante definizione. Ma pure obbligati, dall’altra parte, a pagare fior di abbonamenti a piattaforme per mantenere viva la passione per la squadra del cuore tra le mura di casa.

Il ritorno sugli spalti è stato poi timido, in un difficile dribbling tra le regole residue. Ora però si è fatto inarrestabile e sembra persino beffare i grandi architetti del pallone mondiale. A Siviglia, sede della finale di Europa League, c’erano 100mila supporters in eccesso venuti da Francoforte e da Glasgow rispetto a quanti avrebbe potuto contenerne il ’Sanchez Pizjuan’, 45mila.

Tirana ieri è stata invasa dai tifosi romanisti per la finale di Conference: al di là delle esecrabili derive cui si è assistito, è subito parso chiaro che la graziosa Arena Kombetare, coi suoi 20mila posti scarsi, fosse teatro inadeguto a contenere tutto l’entusiasmo per i giallorossi. Tanto che a Roma si è riempito l’Olimpico per seguire la ’Magica’ a distanza sul maxischermo. Inimmaginabile e impressionante. La passione popolare pulsa, e la condivisione vera non è quella dei social. Bisognerebbe tenerne conto, prima di organizzare finali in stadi piccoli e remoti per vendere meglio l’evento via etere.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?