Polonia e Serbia sono tra le favorite per la vittoria finale (Lapresse)
Polonia e Serbia sono tra le favorite per la vittoria finale (Lapresse)

Montpellier, 9 settembre 2019 – Giovedì 12 settembre 2019 scatterà la prima giornata del gruppo A degli Europei di volley maschile 2019. Sarà il giorno d’esordio anche per la Nazionale italiana, che ha come obiettivo quello di andare il più avanti possibile in una competizione piena di insidie. Gli azzurri non sono tra i favoritissimi, ma hanno tutte le carte in regola per poter puntare quanto meno al podio finale. Primo posto? Molto difficile, ma non impossibile. Tra squadre top e possibili outsider non bisognerà sottovalutare nessun avversario, è l’unica strategia valida per poter arrivare il più lontano possibile. 

Europei pallavolo maschile 2019: calendario, gironi, formula

Polonia super favorita

I ragazzi di coach Blengini avranno come primo focus quello del passaggio del turno. Gli azzurri sono stati inseriti nel gruppo A insieme a Bulgaria, Francia, Grecia, Portogallo e Romania, sulla carta tutte avversarie abbordabili. L’importante sarà mantenere alta la concentrazione e cercare di gestire al meglio le energie viste le tante partite ravvicinate. Le previsioni vedono l’Italia come terza favorita per la vittoria finale. La favoritissima, infatti, è la Polonia, che ha vinto il Mondiale del 2018 e vorrà confermarsi a livello continentale anche quest’anno. Subito dietro c’è la Russia, che si può issare a seconda forza del campionato e che in caso di giornata sì potrebbe anche giocarsela alla pari con i polacchi. Dopo l’Italia terza, le due outsider del torneo potrebbero essere la Francia e la Serbia. La prima ha il grande vantaggio di giocare in casa, e abbiamo visto cosa significhi con la Turchia nell’Europeo femminile che si è appena concluso. La seconda, invece, viene da un sorprendente quarto posto ottenuto nello scorso Mondiale, e punta quindi a confermare quanto di buono fatto vedere anche quest’anno. Certo è che da qui a dire che vinceranno l’Europeo ne passa.