Nel giorno del trentesimo anniversario del folgorante debutto di Schumi a Spa con la Jordan, Fernando Alonso, che fu suo grande rivale, allungherà la sua carriera in Formula Uno di almeno altri dodici mesi. Ieri lo spagnolo ha confermato di aver raggiunto un accordo con la Alpine Renault per restare accanto a Ocon anche nel 2022. Dopo 322 Gp , 32 successi e due titoli mondiali, Alonso allontana con...

Nel giorno del trentesimo anniversario del folgorante debutto di Schumi a Spa con la Jordan, Fernando Alonso, che fu suo grande rivale, allungherà la sua carriera in Formula Uno di almeno altri dodici mesi. Ieri lo spagnolo ha confermato di aver raggiunto un accordo con la Alpine Renault per restare accanto a Ocon anche nel 2022.

Dopo 322 Gp , 32 successi e due titoli mondiali, Alonso allontana con determinazione le ipotesi di pensionamento. L’inizio di stagione, dopo due anni dedicati ad altre competizioni motoristiche, non era stato brillantissimo. Ma con il trascorrere delle gare l’ex Ferrarista ha manifestato un costante recupero di competitività. Tanto che non è esagerato affermare che la vittoria del suo compagno di squadra in Ungheria è stata favorita dalla tenacia con la quale l’iberico ha provveduto a rallentare la rimonta di Lewis Hamilton. Alonso ha vinto il suo ultimo Gp nel 2013, con la Ferrari.

Il duello. Intanto oggi in Belgio riprende la grande sfida tra Hamilton e Verstappen per il titolo iridato. Le ultime rocambolesche vicende hanno restituito il primato in classifica generale al campione in carica, ma l’olandese non sembra assolutamente intenzionato a mollare. A complicare le cose in casa Red Bull, sono le conseguenze degli incidenti che hanno danneggiato Verstappen e il suo compagno di squadra Perez nelle ultime due tappe della stagione. La scuderia austriaca, infatti, sarà costretta a sostituire il motore su entrambe le vetture. Non scatta ancora l’automatica penalizzazione, ma per Verstappen e Perez siamo al terzo propulsore utilizzato nell’arco del campionato. Se dovessero ricorrere a un quarto esemplare, incapperebbero fatalmente nella retrocessione sulla griglia di partenza.

La Ferrari. Poche le ammissioni per la scuderia di Maranello, sul tracciato che non si addice alle caratteristiche della monoposto di Leclerc e Sainz. L’obiettivo unico è continuare a contendere il terzo posto nel mondiale costruttori alla McLaren.

In pista. Oggi a Spa prove libere alle 11,30 e alle 15. Diretta Sky.

l.t.