Novak Djokovic, serbo di 34 anni: ha vinto il suo unico Roland Garros. nel 2016
Novak Djokovic, serbo di 34 anni: ha vinto il suo unico Roland Garros. nel 2016
Scacco al re. E’ Novak Djokovic a guadagnarsi dopo Stefanos Tsitsipas la finale del Roland Garros, vincitore in 4 set su Rafael Nadal al termine di una battaglia inevitabilmente epica conclusasi verso mezzanotte. E poco conta che ‘Nole’ sia il numero 1 del mondo: a Parigi a dominare nella storia era stato lo spagnolo, con 13 trionfi finali contro l’unico del serbo. ‘Djoker’ ha perso il primo set 6-3 poi, contro il pronostico di molti, ha attivato il suo tennis pazzesco fatto di risposte chirurgiche ed elasticità da supereroe. A nulla sono valsi la resistenza di...

Scacco al re. E’ Novak Djokovic a guadagnarsi dopo Stefanos Tsitsipas la finale del Roland Garros, vincitore in 4 set su Rafael Nadal al termine di una battaglia inevitabilmente epica conclusasi verso mezzanotte. E poco conta che ‘Nole’ sia il numero 1 del mondo: a Parigi a dominare nella storia era stato lo spagnolo, con 13 trionfi finali contro l’unico del serbo.

‘Djoker’ ha perso il primo set 6-3 poi, contro il pronostico di molti, ha attivato il suo tennis pazzesco fatto di risposte chirurgiche ed elasticità da supereroe. A nulla sono valsi la resistenza di Rafa e i suoi tentativi di rispondere colpo su colpo: 6-3, 7-6 (4), 6-2 i punteggi dei tre set vinti da Djokovic per conquistarsi domani l’ultimo atto di un torneo vinto una volta sola, nel 2016.

Per molti quella tra i due mostri sacri era una finale anticipata, ma questo Roland Garros ha insegnato che le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

Quella di domani sarà la prima finale in carriera in un torneo dello Slam per Stefanos Tsitsipas, maestoso col suo tennis completo ed energico al Roland Garros. Il talento del greco non è mai stato in discussione, ma da tempo sembrava che gli mancasse sempre qualcosa per potersi giocare i titoli più importanti. Ora non è più così, anche se già la vittoria alle FInals del 2019 aveva spazzato un bel po’ di dubbi, così come quella a Montecarlo quest’anno, primo Masters 1000 messo in bacheca.

L’ellenico ha raggiunto l’ultimo atto dell’Open di Francia battendo 6-3 6-3 4-6 4-6 6-3 il tedesco Alexander Zverev (6) dopo cinque set e 3h37’ di battaglia. Il 22enne di Atene ha avuto vita piuttosto facile nelle prime due frazioni, ma è poi sembrato cedere dal punto di vista fisico e il tedesco ha portato il match al quinto set. Nel primo game dell’ultima frazione Tsitsipas si è però definitivamente rilanciato cancellando tre palle di break a Zverev, involandosi poi fin sul 4-1 prima di chiudere dopo 3h37’.

L’ellenico aveva perso le prime due semifinali Slam della sua carriera e ora si presenta l’occasione di dare l’assalto al titolo. A fine partita, le lacrime giustificatissime dell’ellenico: è anche il più giovane a qualificarsi per una finale di un Major dopo quella raggiunta nel 2010 da Andy Murray in Australia.

Non ce l’ha fatta invece la connazionale di Tsitsipas, Maria Sakkari, ad approdare alla finale del torneo femminile, che andrà in scena oggi alle 15 a Parigi, fermandosi in semifinale. A giocarsi l’Open di Francia saranno Anastasia Pavlyuchenkova – russa di 29 anni che trova la prima chance di giocare per un titolo Slam alla 52esima occasione, un record – e la ceca Barbora Krejcíkova, 25 anni, “solo“ al suo nono Slam. Due vere outsiders, perché le due contendendenti sono numero 32 e 33 del mondo rispettivamente. Curiosamente, la sfida tra le due finaliste è totalmente inedita. Anche per questo è aperta a ogni pronostico.