13 gen 2022

Sanchez al 120’, Inter Maravilla di Coppa

Ai nerazzurri il primo trofeo della stagione: decide il cileno nell’ultima azione prima dei rigori. Al 90’ era 1-1 con McKennie e Lautaro

giulio mola
Sport
Alexis Sanchez, 33 anni, è entrato nei supplementari ed ha deciso la partita regalando la Supercoppa all’Inter
Alexis Sanchez, 33 anni, è entrato nei supplementari ed ha deciso la partita regalando la Supercoppa all’Inter
Alexis Sanchez, 33 anni, è entrato nei supplementari ed ha deciso la partita regalando la Supercoppa all’Inter

di Giulio Mola All’ultimo assalto del secondo tempo supplementare, quando tutti ormai pensavano ai rigori (anche Bonucci, pronto ad entrare in campo per andare sul dischetto), Sanchez regala all’Inter la Supercoppa Italiana approfittando di una colossale dormita di Alex Sandro a due passi dalla porta. Il primo trofeo della nuova stagione se lo prende l’Inter che batte 2-1 la Juventus dopo una battaglia di oltre centoventi minuti: per Inzaghi forse l’inizio di un nuovo ciclo, i bianconeri mancano l’occasione per rilanciarsi dopo la complicatissima prima parte di stagione. In una gelida Milano assediata dal Covid e incapace di riempire il 50% dello stadio, solo il calore delle curve ha provato a riscaldare l’atmosfera surreale perché meno di 30mila spettatori sono poca cosa per il derby d’Italia. La Juventus non poteva partire favorita perché si è presentata a San Siro con un gap di 11 punti in campionato e una squadra sfigurata dalle assenze: Szczesny, Cuadrado, De Ligt, , Ramsey, Chiesa e Danilo. Con Bonucci e Dybala in panchina. Di fronte un’Inter al completo. La formazione di Inzaghi si è messa subito al centro del ring e per venti minuti i bianconeri sono stati messi alle corde. Nerazzurri prepotenti soprattutto sulla fascia sinistra dove Perisic e Bastoni sfondavano facilmente, anche se il primo pericolo per Perin e soci arrivava dai calci piazzati (De Vrij 5’) quasi a ricordare che l’Inter fin qui ha segnato 14 gol di testa. Colossale invece l’errore di Lautaro (7’) che svirgolava col destro a pochi passi dalla porta. Poi le proteste nerazzurre con Doveri (10’) per un robusto intervento di Chiellini su Barella, che forse accentuava la caduta. La Juventus faticava ad uscire dal proprio guscio, Kulusevski andava a giocare in pressing su Brozovic: insomma, una squadra da combattimento, impegnata a contenere e a sporcare la partita ma pronta a ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?