Danilo Iervolino, 43 anni, fondatore dell’Università telematica “Pegaso”
Danilo Iervolino, 43 anni, fondatore dell’Università telematica “Pegaso”
Salernitana all’ultimo respiro ma salva. E scongiurata l’ipotesi di un girone di ritorno di serie A a 19 squadre. A pochi secondi – l’accettazione dell’accordo è arrivata alle 23.58 del 31 dicembre – dalla dead line fissata dalla Figc per la cessione della Salernitana, il 31 dicembre appunto, pena il fallimento per la storia, arcinota, della doppia proprietà di Lotito in serie A proibita dalle norme federali –...

Salernitana all’ultimo respiro ma salva. E scongiurata l’ipotesi di un girone di ritorno di serie A a 19 squadre. A pochi secondi – l’accettazione dell’accordo è arrivata alle 23.58 del 31 dicembre – dalla dead line fissata dalla Figc per la cessione della Salernitana, il 31 dicembre appunto, pena il fallimento per la storia, arcinota, della doppia proprietà di Lotito in serie A proibita dalle norme federali – è arrivata l’offerta giusta. E cioè quella di Danilo Iervolino, fondatore dell’Università telematica Pegaso, che ha convinto i trustee Susanna Isgrò e Paolo Bertoli con un’offerta tra i 10 e i 13 milioni – oltre all’impegno di stanziarne 20 per il calciomercato e, dunque, provare a prendere una difficile salvezza – milioni di euro con versamento dell’annessa caparra. Salvo colpi di scena dunque, dopo gli ultimi controlli bancari di domani, Iervolino diventerà il nuovo proprietario del club che è stato di Claudio Lotito e al centro di un braccio di ferro con la Figc e il suo numero uno Gabriele Gravina (stravinto da quest’ultimo, se la vogliamo mettere sul piano della sfida...).

Il sì delle banche farà scattare i 45 giorni di proroga che serviranno per completare il passaggio di consegne. "Farò tutto il possibile per salvare la Salernitana – le prime parole di Iervolino –. In ogni mio programma ho sempre messo tantissimo entusiasmo, questo avverrà anche nel mio nuovo progetto calcistico".

Ma la vicenda è davvero ai titoli di coda? Vedremo, perchè la Pvam s.a., fiduciario del Fondo Global Pacific (patrimonio pari a 350 milioni di euro), sta per presentare un esposto alla procura di Salerno sulla cessione del club. Secondo la task force legale del Fondo Global, la Pvam si è vista rifiutare due offerte per l’acquisto del club – di 38 milioni in titoli obbligazionari bancari e di 26 milioni cash – nettamente superiori a quella di Danilo Iervolino. Lo ha spiegato ieri l’avvocato torinese Francesco Paulicelli, affiancato dal commercialista Stefano Scarsella per le verifiche societarie, il quale sta valutando il deposito di un ricorso cautelare.

p. f.