21 apr 2022

Russi e bielorussi esclusi da Wimbledon e dai tornei inglesi

Senza patria e senza bandiera, in Inghilterra anche senza permesso di giocare: i tennisti russi e bielorussi saranno costretti a saltare tutti i tornei sull’erba in Gran Bretagna di questa estate, compresi Wimbledon e il Queen’s. Lo ha annunciato ieri la Lawn Tennis Association inglese, allineandosi al divieto già deciso dall’All England Club per Wimbledon. "Dopo un’attenta considerazione l’LTA ritiene che il tennis debba unirsi a molti altri settori dello sport e della vita pubblica per inviare un chiaro segnale agli stati russo e bielorusso che le loro azioni in Ucraina sono oggetto di condanna internazionale", dice la nota dell’Lta. Wta e Atp hanno protestato: "La discriminazione basata sulla nazionalità è anche una violazione dell‘ accordo con Wimbledon secondo cui l‘ammissione dei giocatori si basa solo sulle classifiche", scrive l‘associazione presieduta da Andrea Gaudenzi.

A Wimbledon, i non ammessi saranno cinque tra gli uomini (il numero due Medvedev, il numero 8 Rublev, Khachanov, Karatsev e il bielorusso Ivashka), undici tra le donne tra cui Sabalenka, Pavlyuchenkova, Azarenka, Kasaktina.

Intanto agli Internazionali d’Italia dal 2 al 15 maggio al Foro Italico di Roma sono entrati anche Musetti e Cobolli con wild card.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?