7 mar 2022

Pioli: "Bravi noi, ora più attenti alle piccole"

Il tecnico poi attacca: "Mi spiace che la classifica non sia ancora credibile, sarebbe più corretto che tutti ora avessero le stesse gare"

ilaria checchi
Sport
Il momento decisivo della partita: Giroud infila Ospina su assist di Calabria e porta il MIlan davanti a tutti in classifica
Il momento decisivo della partita: Giroud infila Ospina su assist di Calabria e porta il MIlan davanti a tutti in classifica
Il momento decisivo della partita: Giroud infila Ospina su assist di Calabria e porta il MIlan davanti a tutti in classifica

di Ilaria Checchi Una vetta ritrovata e il primo smacco in carriera rifilato a Luciano Spalletti: per Stefano Pioli quella di ieri è stata una serata magica che aspettava da tempo. Il tecnico aveva confermato alla vigilia che non avrebbe mai firmato per un pari al Maradona e la sua squadra ha seguito alla lettera il dictat del suo mentore: vincere difendendo con attenzione e colpendo al momento giusto. L’undicesimo centro stagionale di Olivier Giroud, il primo lontano da San Siro, fa pendere la bilancia a favore del Diavolo, capace di aggiudicarsi l’ultimo vero scontro diretto d’altissima classifica con una prova di grande intensità in mezzo al campo, come confermato da Pioli: "I ragazzi hanno lavorato tanto senza palla dimostrando la voglia di restare in partita e alla fine siamo stati premiati. Volevo un centrocampo di gamba e qualità che si comportasse bene e stesse dentro il match fino alla fine". Contro il Napoli è arrivata, dunque, la vittoria forse più importante del Milan negli ultimi anni ma sono i punti persi con le squadre nella parte destra della classifica a non dover più incidere: "Il nostro campionato passa anche dalle partite con gli avversari che stanno sotto di noi, non possiamo rischiare di perdere ancora terreno e dobbiamo dimostrare di aver imparato la lezione". Il mister applaude il man of the match: "Avevo bisogno di giocatori di spessore che sanno cosa vuol dire lavorare per vincere e Olivier rappresenta tutto questo". Nonostante il bottino pieno con cui il Diavolo torna sotto la Madonnina, il pensiero del tecnico non cambia: "L’Inter resta la favorita per lo scudetto perché ha ancora una partita da giocare e mi spiace che a questo punto del campionato ci siano ancora dei recuperi da fare". Con la sua zampata ha silenziato il Maradona e per Giroud, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?