Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 giu 2022

Perché Matteo può vincere

22 giu 2022
paolo franci
Sport

Paolo Franci

Viva la faccia, la bella faccia osservano le fan in visibilio, di Matteo Berrettini. E viva la classe con la quale sfoggia la sincerità che non si nasconde dietro a scaramanzie, cabala e altre diavolerie. Anzi, di più, Matthew dice proprio che mentirebbe se non dichiarasse come vincere Wimbledon sia l’obiettivo. D’altra parte, il magic moment è negli occhi di tutti e nei trofei alzati, due, nel breve volgere di pochi giorni, vincendo ogni maledetto match. E questo dopo un intervento chirurgico alla mano. Cioè sembra una di quelle storie da cinema sul predestinato, anche perchè poi lo scorso anno il sogno lo ha cullato e pure un bel po’, fino alla finale di Wimbledon, quella della racchetta che batte sul dente che Nole.

Battute a parte, anche i bookmaker - il cui mestiere non è regalare soldi e quindi attenti e prudenti come una gazzella al fiume - si sono convinti che Matteo, yes he can, ce la possa fare eccome. Certo, c’è quel baubau di Nole primo favorito, poi però c’è lui, il piccolo Federer romano, accostabile a King Roger (per ora...) per educazione, stile davanti al microfono, garbo. Se poi a tutto questo aggiungesse uno Slam, ’Quello’ Slam, beh, sarebbe una roba pazzesca. Una roba che Matteo merita, perchè il modo in cui ha progettato se stesso è degno l’acuto più bello sulla superficie che adesso è sua. Anche se nell’erba alta, è il caso di dirlo, si nascondono le solite belve, da Nole all’incredibile, pazzesco, Rafa Nadal.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?