Come da copione, a maggior ragione in assenza di scandinavi e finlandesi. Federico Pellegrino domina la sprint a skating di Dresda (Germania), conquistando la seconda vittoria stagionale in Coppa del Mondo. Il 30enne poliziotto valdostano di Nus si impone nella finale con il tempo di 2’21’’96, precedendo di 53 centesimi l’inglese Andrew Young e di 91 il russo Gleb Retivykh. Questa volta Alexander Bolshunov rimane fuori dal podio, che...

Come da copione, a maggior ragione in assenza di scandinavi e finlandesi. Federico Pellegrino domina la sprint a skating di Dresda (Germania), conquistando la seconda vittoria stagionale in Coppa del Mondo. Il 30enne poliziotto valdostano di Nus si impone nella finale con il tempo di 2’21’’96, precedendo di 53 centesimi l’inglese Andrew Young e di 91 il russo Gleb Retivykh. Questa volta Alexander Bolshunov rimane fuori dal podio, che aveva invece trovato a Davos. Pellegrino consolida così la vetta della classifica sprint con 220 punti, e alle sue spalle ci sono proprio Bolshunov, Retivikh e Young. L’unico altro azzurro presente nei turni di finale è stato Michael Helleweger, uscito al primo turno, mentre si sono fermati nelle qualificazioni Maicol Rastelli, Giacomo Gabrielli, Francesco De Fabiani e Stefan Zelger. Nella gara femminile, brava Lucia Scardoni ad agguantare la finale, anche se poi si è dovuta accontentare del sesto posto. La vittoria è andata alla svizzera Nadine Faehndrich con il tempo di 2’38"52, davanti all’americana Sophie Caldwell per 32 centesimi e alla slovena Anamarija Lampic per 35. Fuori nei quarti di finale sia Greta Laurent, tredicesima, che Alice Canclini, ventiseiesima. Tornando a Pellegrino, la vittoria di Dresda è stata la seconda affermazione in carriera nella città tedesca, dopo quella ottenuta quasi tre anni fa nel gennaio del 2018. Il successo di ieri però è speciale, anzi, particolarmente significativo, perché consente a "Chicco" di tornare a essere l’atleta con più affermazioni in assoluto nelle gare sprint a tecnica libera. Tra Mondiali ed eventi di Coppa del Mondo a vario titolo (tappe multi stage, ecc. ecc.), i successi complessive nel format di gara sono 15, le stesse del norvegese Johannes Høsflot Klæbo, già nel mito. Tenendo conto anche della tecnica classica, l’azzurro è in seconda posizione all-time nella classifica delle vittorie in gare sprint individuali, appaiato allo svedese Jonsson, a quota 16, e dietro il citato Klæbo (26). Il prossimo obiettivo è rappresentato dal primato di podi. Al momento, Pellegrino si trova a quota 34, staccato di una sola lunghezza dal leader della graduatoria, Hattestad. Oggi team sprint, dalle 12.45.

G. B.