4 mag 2022

Parte il 17 maggio il processo d’appello dopo le assoluzioni

Prenderà il via il 17 maggio alle ore 10 il processo di appello davanti alla Corte d’appello della Figc sul caso delle plusvalenze dopo che la Procura Figc guidata da Giuseppe Chiné ha presentato ricorso. In primo grado erano stati prosciolti tutti i deferiti: 11 club e 59 dirigenti. "Il metodo di valutazione adottato dalla Procura federale – questa la motivazione della sentenza di primo grado – può essere ritenuto “un” metodo di valutazione, ma non “il” metodo di valutazione (...). Il Tribunale ritiene che non esista o sia concretamente irrealizzabile “il” metodo di valutazione del valore del corrispettivo di cessioneacquisizione delle prestazioni sportive di un calciatore. Tale valore è dato e nasce in un libero mercato, peraltro caratterizzato dalla necessità della contemporanea concorde volontà delle due società e del calciatore interessato". Contro questa sentenza e contro le sue motivazioni la Procura Figc ha presentato ricorso: inizierà così il secondo tempo, partendo da 1-0 per i club coinvolti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?