Il record con pass olimpico per Alberto Razzetti, lo show sulle distanze lunghe di Gregorio Paltrinieri (nella foto) e Simona Quadarella. Anche l’ultima giornata di gare degli Assoluti di nuoto di Riccione regala primati in vasca e incorona i campioni azzurri: riflettori su Razzetti che nei 200 misti si prende titolo, record italiano e pass olimpico (tempo limite 1’58”0). Il 22enne ligure vola in 1’57”13, demolendo l’1’58”09 stabilito all’ultimo Sette Colli ad agosto. Nei 1500 stile non deludono le aspettative i campioni Supergreg e la Quadarella: Paltrinieri li domina in scioltezza, nuota in 14’40”38, crono che sarebbe sufficiente per i Giochi Olimpici (14’50”0), già conquistati nel 2019 e dove sarà al via anche negli 800 e nella 10 km in acque libere. Nella prova femminile vittoria anche per la campionessa iridata Quadarella, già prima nei 400 e negli 800 sl. La regina del mezzofondo europeo e primatista italiana tocca in 15”57”03, precedendo Martina Caramignoli in 15’59"13: entrambe, sebbene già qualificate, nuotano ampiamente sotto limite per le Olimpiadi (16’05”0). Nelle altre finali nei 50 rana vince la primatista italiana Benedetta Pilato in 29”91, contro il 30”65 di Martina Carraro e il 30”77 di Arianna Castiglioni. In mattinata, la 16enne di Taranto poi vincitrice si era avvicinata al suo record italiano nuotando in 29”62 e mancandolo di un solo centesimo.