Ancora segnali d’Italia nel ciclismo. Li manda Giacomo Nizzolo, che nel gp di Almeria, nel sud della Spagna, centra il primo successo stagionale. Li spedisce anche Davide Ballerini, che conclude il Tour della Provenza, in Francia, con un secondo posto dopo aver vinto le prime due tappe. Precedenza a Nizzolo: dopo due piazzamenti all’Etoile de Besseges, il campione europeo trova quella vittoria che aiuta il morale sulla strada degli impegni che contano. Ci riesce dopo 183 chilometri di corsa combattuta, nella quale si mettono in evidenza giovani come Bais, Rivi e Zoccarato. Esaurite le fughe, Nizzolo prende in mano la gara con la sua squadra e va a giocarsi lo sprint sul francese Senechal e sull’estone Laas, con Damiano Cima decimo e Fiorelli quindicesimo. "Non pensavo di iniziare la stagione così bene, dopo un inverno con un po’ di guai fisici. Gara nervosa per il vento, nel finale tortuoso ho preferito muovermi da solo e la scelta ha pagato. Ora punto sulle classiche", dice Nizzolo, dopo uno sprint al quale è mancato il rientrante Cavendish, fermato da un guaio meccanico. Volata anche a Salon de Provence, dove Davide Ballerini vede sfumare all’ultimo il terzo successo in quattro giorni. Glielo nega il tedesco Phil Bauhaus, con Bouhanni terzo davanti a Moschetti. Nei dieci anche Bonifacio, ottavo. Ballerini si consola con la maglia a punti, classifica finale al colombiano Ivan Sosa.

a. cos.