Valentino Rossi
Valentino Rossi

Bologna, 6 maggio 2020 - Valentino Rossi non vuole ritirarsi dopo una stagione zoppa e falcidiata dal coronavirus. Il Dottore, in condizioni normali, si sarebbe preso 4-5 gran premi prima di decidere il suo futuro, ma ora entro poche settimane dovrà sciogliere le riserve senza un effettivo riscontro in pista. Lin Jarvis è stato chiaro: "Non sarebbe giusto per un grande campione così ritirarsi senza una cornice di pubblico". La Yamaha però ha i sedili occupati il prossimo anno con l'approdo nel team ufficiale di Fabio Quartararo, ma proprio il posto lasciato libero dal francese nel Team Petronas sembra destinato a Valentino Rossi.

Per la Yamaha non ci sono problemi, ora la palla passa al pilota al team principal del secondo team dei tre diapason Razlan Razali. Il sito motorsport.com ha raccolto la posizione del capo della struttura del Team Petronas: "Siamo a conoscenza dei piani della Yamaha - ha affermato - Ora si tratta di far sedere tutte le parti al tavolo e occuparci dei dettagli, per il momento abbiamo parlato solo di questioni tecniche. Dovremo ad esempio far incontrare Rossi con i nostri sponsor e bilanciare l'esborso rispetto a ciò che potremo ottenere in cambio". Di sicuro, anche se a fine carriera, il Dottore rappresenterebbe un valore aggiunto per il team: "Il suo arrivo ci gioverebbe anche in termini di esposizione, sicuramente per noi sarà un grande valore. Diciamo che le cose sembrano a posto". C'è poi il discorso dei tecnici, Quartararo probabilmente porterà nel team ufficiale i suoi tecnici di fiducia, altrettanto potrebbe fare Rossi: "In Petronas abbiamo il nostro team tecnico e non vogliamo smantellarlo, sicuramente quando un pilota va nel team ufficiale è normale che porti con sé parti della squadra e noi siamo a favore, non negheremo a Quartararo di portare il suo capo meccanico. Allo stesso modo Rossi sicuramente potrà portare uno o due tecnici con lui".