Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 mag 2022

MotoGP, RNF Racing sarà il primo team satellite di Aprilia

La novità della stagione 2023: accordo biennale, rinnovabile per i successivi due anni, con la casa di Noale. Per i piloti si guarda a Dovizioso, poi a Alex Rins e Joan Mir, che la Suzuki lascierà a piedi  

27 mag 2022
featured image
Massimo Rivola (Aprilia), Razlan Razali (RNF) e Matteo Ballarin (WithU)
featured image
Massimo Rivola (Aprilia), Razlan Razali (RNF) e Matteo Ballarin (WithU)

Scarperia, 27 maggio 2022 -  Dal 2023 in MotoGP ci sarà il "RNF Racing", il primo team satellite dell'Aprilia. La novità è stata annunciata stamane: la nuova squadra corse, che aveva rilevato il team Petronas, e in questa stagione è partner di Yamaha, ha raggiunto un accordo biennale, rinnovabile per i successivi due anni. Non sono stati ancora fatti nomi per i piloti che arriveranno, ma naturalemente qualche voce gira: si parla di Andrea Dovizioso, attualmente pilota RNF, e da sempre legato al mondo Aprilia. Poi ci sarebbe un interessamento per Alex Rins e Joan Mir, che a fine stagione resteranno senza moto per l'addio della Suzuki. L'accordo è stato ufficilizzato da Massimo Rivola, ad di Aprilia Racing, Razlan Razali, team principal di RNF, e Matteo Ballarin, ad di WithU, sponsor principale della squadra malese.

MotoGp Mugello 2022: qualifiche e ritiro numero 46 di Valentino Rossi

Così in pista, dalla stagione 2023, si potranno contare in pista ben 4 Aprilia, la prima volta per la casa di Noale, nella sua storia in MotoGP. Il team ufficiale è in netto miglioramento, e anche la stagione 2022 è iniziata bene, tanto che Aleix Espargaró e Maverick Viñales hanno già avuto la conferma per il prossimo biennio.

La collaborazione tra il reparto corse di Noale e RNF Racing si baserà su una sinergia completa, con la previsione di investimenti da parte di Aprilia Racing per la formazione di ingegneri, tecnici, manager e piloti in RNF Racing. Massimo Rivola: "Sono felice di annunciare l'accordo con RNF Racing. Abbiamo sempre ragionato per piccoli passi e mentre dimostriamo la competitività della nostra RS-GP, parte naturale del percorso è vederne altre due in pista".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?