Maverick Vinales all'Aprilia (Ansa)
Maverick Vinales all'Aprilia (Ansa)

Milano, 1 settembre 2021 - Dopo la separazione con la Yamaha e i'immediato accordo con l'Aprilia, ecco una nuova importante novità relativa a Maverick Vinales. Il pilota spagnolo non aspetterà la prossima stagione di MotoGp per debuttare con la scuderia di Noale, ma lo farà già in questa. Il suo esordio in sella alla RS-GP, con la quale ha girato nei due giorni di test sul circuito di Misano, è previsto infatti per il Gran Premio di Aragon, in programma nel weekend del 12 settembre.

"Da tempo non mi divertivo così"

"Sono rimasto tranquillo nei test di Misano, avevo subito un bel feeling con la moto - racconta a Sky Sport l'iberico - Al box c'è un'energia molto positiva, sono molto carico per Aragon. Devo ancora migliorare molto, sono lontano dal poter spingere al massimo, moto e motore sono diversi rispetto a come ero abituato alla Yamaha: devo capire come andare, ma il lavoro dei piloti è incredibile, il livello è alto. C'è differenza, ma possiamo crescere tanto in poco tempo. Da tanto tempo non mi divertivo in moto - continua Vinales - Ora il mio obiettivo è ritrovare la passione con il team. Ad Aragon non sarà facile, ma qua mi sono trovato bene e siamo sulla strada giusta". 

Savadori ancora test rider

Esprime grande soddisfazione per l'accordo con il classe '95 l'amministratore delegato dell'Aprilia, Massimo Rivola. "Siamo molto orgogliosi del nostro programma. Al fianco del confermatissimo Aleix abbiamo il piacere di accogliere nella famiglia Aprilia Racing un talento come Maverick, che ha dimostrato grande sintonia con la squadra e con la moto fin da subito e che sono sicuro potrà dare il massimo già dal Gp di Aragon. Al tempo stesso - conclude l'ad - confermiamo anche il ruolo di Lorenzo Savadori come test rider 2022, una posizione fondamentale che rende merito al grande impegno dimostrato nello sviluppo della nuova RS-GP, mentre concluderà la stagione 2021 sfruttando le wild card che decideremo insieme non appena tornerà al 100% della forma". 

Leggi anche: Il crollo di Rossi a Silverstone