Valentino Rossi (LaPresse)
Valentino Rossi (LaPresse)

Misano, 14 settembre 2019 - Valentino e Marc proprio non ce la fanno più ad essere amici. Anche se l’amicizia, è vero, non è roba da motociclismo.
Fatto sta che a Misano, in attesa di un Gp che potrebbe così premiare Vinales o Quartararo (i veri favoriti), Rossi e Marquez hanno deciso di farsi del male e di mettere a fuoco una nuova polemica.
Colpa di un contrattempo – definiamolo così – che al momento del giro con il quale entrambi puntavano alla pole, ha visto Rossi e Marquez ostacolarsi e mettersi il bastone fra le ruote. Per poi iniziare a litigare.
Vale dice che Marc ha fatto di tutto per evitargli di sfruttare l’ultima occasione e guadagnare una fila migliore. Marc risponde a Vale che nella sua testa c’è solo la corsa al titolo Mondiale e nient’altro. Neppure quindi, gestacci o polemiche.
Il discorso adesso è un solo: o Marquez sente che Rossi sta davvero tornando a rompergli le scatole nelle cavalcate nella prateria con cui da qualche tempo si prendere i titoli. Oppure, l’obiettivo – molto più terreno e sinceramente squallido – Marc ha voluto fare un dispettuccio e rovinare l’atmosfera di Misano, dove Rossi è il re, l’eroe, il padrone di casa. E sinceramente, senza quel dispetto, partendo così da una (probabilissima) prima fila, avrebbe potuto lottare per qualcosa di più di un semplice podio.
Il botta e risposta, comunque, ha reso più effervescente il sabato di Misano, dove la Ducati non sono andate un granché e dove la voce grossa l’hanno fatta due ottimi piloti che però (ancora) non sono in grado di accendere la gente.