Valentino Rossi
Valentino Rossi

Bologna, 27 maggio 2020 – Con il lockdown i team di moto gp hanno avuto più tempo a disposizione per migliorare i rispettivi prototipi sulla base di quelli che sono stati i test invernali, e soprattutto in casa Yamaha c’è la necessità di tornare competitivi per provare a interrompere il dominio di Marc Marquez. Su questo fronte Valentino Rossi, in difficoltà nella seconda parte della stagione scorsa, si è mostrato ottimista in una intervista al sito ufficiale della Moto gp.

SE YAMAHA… - Si parte dai dati dei test invernali, poi il lockdown ha tenuto tutti giù dalla moto per oltre due mesi e le case costruttrici possono provare a sviluppare alcune cose. Per Yamaha le prove non erano andate male, o almeno questo è il pensiero di Rossi: “I test non sono andati così male – ha affermato – In Yamaha alcune cose sono cambiate dalla stagione precedente e se lavoriamo tutti al 100% potremo tornare competitivi per la vittoria. Il nostro obiettivo è tornare in cima”. Già, i cambiamenti: qualcosina nel box è cambiato, nuovi componenti nel team e soprattutto un nuovo capo con David Munoz al posto di Silvano Galbusera: “Abbiamo perso competitività nella seconda parte di stagione, è mancato un po’ il feeling con la moto e i risultati sono stati sotto le attese. Ora proveremo a risalire, ci sono un paio di persone nuove nel box e un nuovo capo equipaggio: lavoriamo per tornare in vetta”. Ma prima bisognerà tornare ad abituarsi a cavalcare una moto gp dopo mesi: niente test, niente allenamenti, si riprenderà a luglio da Jerez ma probabilmente prima verranno concessi un paio di giorni di prove: “Era completamente vietato allenarsi, per due mesi non sono mai stato in moto - ha concluso Rossi - Ora abbiamo ripreso al ranch e anche su alcune piste da motocross della regione. Il ritorno in moto è stato fantastico”. Non solo presente, Valentino dovrà decidere anche del suo futuro ad occhi chiusi senza un vero riscontro della pista: se vorrà continuare lo attenderà il Team Petronas.