Quartararo con la bandiera svizzera, omaggio a Dupasquier (Ansa)
Quartararo con la bandiera svizzera, omaggio a Dupasquier (Ansa)

Scarperia e San Piero (Firenze), 30 maggio 2021 - Fabio Quaratararo vince il Gran Premio d'Italia di MotoGp al Mugello. Partito in pole position dopo le qualifiche,  il pilota francese taglia il traguardo primo per distacco, davanti a Mir e Oliveira che ha superato i limiti di pista ed è stato penalizzato di una posizione. Un Gp purtroppo listato a lutto. Si è corso in un clima surreale, dopo la notizia giunta in mattinata. Jason Dupasquier, 19 anni, rimasto coinvolto nel sabato delle qualifiche di Moto3 in un terribile incidente, è morto: troppo gravi le lesioni riportate. A nulla è servita l'operazione nella notte. L'annuncio è stato dato con un comunicato uffciale. Scontata, ma sentita, la dedica di Quartararo al giovane pilota svizzero al termine della gara. Il leader del Mondiale si è avvolto in una bandiera rossocrociata subito dopo il traguardo, omaggio al collega di Moto3. "Ogni volta che passavamo alla curva 9 pensavo a Dupasquier, questa vittoria è per lui", ha detto il francese. E ha aggiunto: "Ho vinto, ma non è semplice gioire, perché abbiamo perso un nostro amico, non è stato facile partire, avevo in mente Jason" .Sul podio inni nazionali ma nessun festeggiamento. 

La gara

Rimpianti per Francesco Bagnaia, caduto all'Arrabbiata 2 mentre era in testa alla gara. L'italiano della Ducati perde così contatto in classifica piloti da Quartararo. Poco dopo è uscito di pista anche Marc Marquez su Honda, una scivolata che ha costretto anche Franco Morbidelli ad andare fuori dal tracciato, finendo sulla ghiaia: gara compromessa (sarà 16esimo alla fine, dietro a Lorenzo Salvadori e davanti a Luca Marini).  Chiude quarto Johann Zarco su Ducati, quinto il sudafricano Brad Binder con l'altra KTM e sesto l'australiano Jack Miller (Ducati). 

 Non è stato certo il Gran Premio degli italiani: il migliore è Danilo Petrucci, nono, decimo Valentino Rossi, risalito in classifica soprattutto grazie alle sfortune altrui. Il Gran Premio di Enea Bastianini finisce invece curiosamente nel giro di formazione in griglia, quando il rookie del Team Avintia tampona Zarco e si autoesclude prima della partenza.

La classifica piloti di MotoGp

1. Fabio Quartararo (Fra) 105 punti
2. Johann Zarco (Fra) 81
3. Francesco Bagnaia (Ita)79
4. Jack Miller (Aus) 74
5. Joan Mir (Spa) 65
6. Maverick Vinales (Esp) 64
7. Aleix Espargaro (Esp) 44
8. Brad Binder (Rsa) 35
9. Franco Morbidelli (Ita) 33
10. Miguel Oliveira (Por) 29








MotoGp: il warm up

Takaaki Nakagami ha firmato il giro più veloce nel warm up del Mugello. Il giapponese della Honda Lcr ha fatto registrare il miglior tempo con 1'46''746, davanti a Zarco (+0,086) e Brad Binder (0,243). Solo 11° Quartararo, seguito a ruota da Bagnaia. Per trovare Valentino Rossi invece à 17°. Marc Marquez, a lungo dietro la coda della moto di Bagnaia per ottenere una scia favorevole, ha rischiato di cadere alla curva Palagio e solo un recupero estremo ha evitato il peggio.

MotoGp al Mugello, rivivi la diretta

Moto3: vince Foggia

Dennis Foggia ha vinto il Gran Premio d'Italia di Moto3. Il pilota italiano della Honda ha preceduto lo spagnolo Jaume Masia su KTM e l'argentino Gabriel Rodrigo su Honda. Il team Pruestel, la squadra di Jason Dupasquier, non ha preso parte alla gara con il pilota giapponese Ryusei Yamanaka dopo il tragico incidente subito dallo svizzero nelle qualifiche di ieri.

Questo l'ordine di arrivo:
1. Dennis Foggia (Ita) Honda
2. Jaume Masia (Esp) KTM
3. Gabriel Rodrigo (Arg) Honda
4. Ayumu Sasaki (Jpn) KTM
5. Darryn Binder (Rsa) Honda
6. Romano Fenati (Ita) Husqvarna
7. John McPhee (Gbr) Honda
8. Pedro Acosta (Esp) KTM
9. Sergio Garcia (Esp) GasGas
10. Tatsuki Suzuki (Jpn) Honda









Moto 2: vince Gardner

L'australiano Remy Gardner su Kalex ha vinto il Gran Premio d'Italia di Moto2, superando nel finale lo spagnolo e compagno di squadra Raul Fernandez e conservando la leadership del Mondiale. Terzo Marco Bezzecchi (Kalex), che dopo essere stato bruciato sul rettilineo conclusivo da Joe Roberts ha sfruttato la penalita' inflitta allo statunitense per aver superato i limiti del tracciato. L'altro italiano Tony Arbolino ha chiuso in settima posizione. Delusione per Fabio Di Giannantonio, caduto a 10 giri dalla fine mentre era in lotta per il podio, e per il britannico Sam Lowes, scivolato quando era secondo.

Questo l'ordine d'arrivo

1. Remy Gardner (Aus) Kalex 39'17"667 alla media di 168.1 Km/h
2. Raul Fernandez (Esp) Kalex +0"014
3. Marco Bezzecchi (Ita) Kalex +8"021
4. Joe Roberts (Usa) Kalex +8"004
5. Marcel Schrotter (Ger) Kalex +12"343
6. Ai Ogura (Jpn) Kalex +23"170
7. Tony Arbolino (Ita) Kalex +23"764
8. Cameron Beaubier (Usa) Kalex +34"825
9. Hafizh Syahrin (Mal) NTS +34"849
10. Stefano Manzi (Ita) Kalex +34"965
Giro più veloce: (3°) Sam Lowes (Gbr) in 1'51"208 a 169.7 Km/h