Franco Morbidelli e Valentino Rossi (Ansa)
Franco Morbidelli e Valentino Rossi (Ansa)

Misano Adriatico, 13 settembre 2020 - Ha difeso il podio come un ragazzino, Valentino Rossi, ma la strategia di Mir è stata una da campione. Poi applausi per tutti, da Morbidelli a Bagnaia fino a Dovizioso leader del Mondiale. I voti del Gp di San Marino e della Riviera Adriatica.

Franco Morbidelli 10

Personalità e irriverenza nei confronti del maestro Rossi, almeno per una decina di giri. Vittoria da numero uno. Sempre leader dal primo all'ultimo giro. Super.

Francesco Bagnaia 10

Torna dopo l'infortunio e fa una gara a testa alta. La sua Ducati Pramac è velocissima ma lui le fa fare il salto di qualità su una pista difficile per le Desmo. Bravo.

Joan Mir 10

Si merita anche lui il massimo dei voti per come si prende Rossi all'ultima girata e per come è stato bravo a pressarlo per un terzo della gara senza farsi prendere dall'ansia del sorpasso a tutti i costi. Calcolatore.

Valentino Rossi 7

Ci mette il cuore, l'anima e la velocità. Sognava la vittoria, meritava il podio, finisce quarto. Piegato da un Mir che ha fatto un Gp proprio alla Rossi. Peccato e arrivederci a domenica.

Alex Rins 6,5

Nella parte finale ripara quasi del tutto a una domenica in chiaroscuro. Prova prima ad attaccare il compagno di Suzuki, Mir e poi Rossi. Ha coraggio ma preferisce non rischiare il tutto per tutto. Ok, per stavolta va bene così.

Andrea Dovizioso 6

Gioca a non farsi male, a prendersi punti d'oro e quindi a prendersi in modo concreto la testa del Mondiale. Insomma per un week end da incubo ottiene il massimo. Bene, no?

Jack Miller 5

Parte bene e sembra crederci poi via via perde terreno e concentrazione lasciando in qualche modo la scena a Bagnaia. Se fosse stato in una delle sue giornate migliori avrebbe fatto podio. Bocciato.

Maverick Vinales 4

Problemi o non problemi, giustificazioni o no, rovina il suo sabato magico con una super pole con una gara anonima e male interpretata. Delude tutto e tutti. Che rabbia.

Fabio Quartararo 4

Scivola via, cade e si chiama subito fuori. Anche  e soprattutto dalla testa della classifica mondiale.  La botta di Misano può far male a tutta la sua stagione. Serve una reazione immediata. Dove? A Misano,  domenica prossima, no?