Marc Marquez vince a Jerez (LaPresse)
Marc Marquez vince a Jerez (LaPresse)

Jerez (Spagna), 5 maggio 2019 - Come da copione, Marc Marquez trionfa a Jerez de la Frontera, nella quarta tappa della Motogp 2019. Alle sue spalle la Suzuki di Alex Rins, sul podio - tutto spagnolo - anche la Yamaha di Maverick Vinales che negli ultimi giri resiste agli attacchi della Ducati di Andrea Dovizioso, quarto alla fine. Quinto Danilo Petrucci davanti a Valentino Rossi, autore di una mini-remuntada dopo essere partito in 13esima posizione. Da registrare l'ottavo posto di Franco Morbidelli sulla Petronas Yamaha RT, mentre il suo compagno di scuderia Fabio Quartararo è costretto al ritiro per un problema alla moto quando era in seconda posizione e sembrava addirittura in grado di insidiare Marquez. Uno psicodramma sportivo, quello del francese partito dalla pole position, che rientra ai box e scoppia in lacrime. Tanta sfortuna e classe da vendere.

MARQUEZ TORNA IN TESTA - Per il numero 93 della Honda una vittoria mai in discussione nel Gran Premio di Spagna, con la testa della corsa presa già dalla partenza. Lo spagnolo torna al comando della classifica pilolti del Motomondiale, con 70 punti, davanti ad Alex Rins (69 punti), Dovizioso (67) e Rossi (61). Il Dottore limita i danni, l'impressione è che, questa volta, partendo più avanti in griglia avrebbe potuto lottare quanto meno per il podio. La sua Yamaha è sembrata crescere col passare dei giri, in un circuito dove superare non è certo impresa semplice. La prossima gara è in programma a Le Mans domenica 19 maggio. 

L'ORDINE D'ARRIVO DI JEREZ

La classifica piloti di Motogp

Dovizioso 5,5

I TWEET E I MOMENTI CLOU

- Vince Marquez davanti a Rins e Vinales. Poi Dovizioso, Petrucci e Valentino Rossi, sesto. Settimo Franco Morbidelli

- 4 giri al termine: Lotta per il podio tra Vinales, Dovizioso e Petrucci. Rossi non sembra in grado di riprenderli e pare avviato alla terza posizione. Marquez guida con 3"6 su Rins.

- 6 giri al temine: Rossi show: infila in poche curve Morbidelli e Crutchlow e risale in sesta posizione.

- 7 giri al termine: Rossi infila Miller e risale in ottava posizione. Dovizioso si avvicina a Vinales e punta al podio.

- 9 giri al termine: Morbidelli in grande difficolà, viene passato anche da Dovizioso e Petrucci. La coppia della Ducati avvicina il podio, mentre Marquez davanti ha preso il largo. 

- 12 giri al termine: colpo di scena in pista: Quartararo rallenta improvvisamente per problemi alla moto. La corsa perde uno dei suoi principali protagonisti. Il francese, in lacrime, rientra ai box. Rins supera Morbidelli ed è secondo, il pilota italiano si fa infilare anche da Vinales e scende in quarta posizione.

- 13 giri al termine: Quartararo è risalito in seconda posizione, mentre Marquez ha preso due secondi di vantaggio. Morbidelli difende il podio dagli attacchi di Rins e Vinalese. Dovizioso in sesta posizione, Rossi sempre decimo

- 19 giri al termine: caduta e ritiro per Francesco Bagnaia

- 20 giri al termine: Marquez e Morbidelli molto vicini, Rins attacca Dovizioso. Rossi sempre in decima posizione, si avvicina a Miller. Gruppo abbastanza compatto

- Partenza a razzo di Marquez che in poche curve balza al comando davanti a Morbidelli e Quartararo. Poi Vinales Dovizioso e Rins. Rossi risale dalla 13esima alla decima posizione. 

Rivivi il Gran Premio live

FOCUS / Orari tv (diretta Sky e differita Tv8)

Il calendario completo della Motogp 2019

Tutti i circuiti (e i loro segreti)

FORFAIT IANNONE - Andrea Iannone non ha preso parte alla gara. Il pilota dell'Aprilia Racing Team Gresini ha dato forfait a causa della caduta sofferta in FP4. Una brutta botta al piede che ha complicato il quarto GP dell'anno per The Maniac che salterà anche  i test ufficiali previsti sulla stessa pista domani. "Andrea ha preso un brutto colpo alla gamba, nulla è rotto per fortuna. Non sarà in gara dopo il parere medico della mattinata - dice Massimo Rivola, Ceo Aprilia Racing come riporta il sito della MotoGp - Non sappiamo bene che cosa si è fatto e dovremo fare altre analisi". Sui test: "Domani volevamo scendere in pista con due piloti ufficiali ma nulla. Abbiamo molte novità da provare come un nuovo telaio e tanta elettronica".

MOTO2 - Festa italiana in Moto2 con la vittoria di Lorenzo Baldassarri, a secondo sucesso consecutivo a Jerez. Il pilota del team PonsHP40 ha messo in riga dopo una corsa ridotta a 15 giri per una carambola alla partenza. Terza vittoria in quattro gare: è lui il leader della classifica generale. Sul podio anche lo spagnolo Jorge Navarro (Speed Up Racing) e il connazionale Augusto Fernandez, compagno di team di Baldassari. Lo svizzero Thomas Luthi (Dynavolt Intact GP) si è piazzato quarto davanti al sudafricano Brad Binder (Red Bull KTM Ajo) e a Xavi Vierge (EG 0,0 Marc VDS). Settimo il giapponese Tetsuta Nagashima. Completano la top ten Luca Marini e Nicolò Bulega dello SKY Racing Team VR46, con lo spagnolo Iker Lecuona (American Team) decimo.

MOTO3 - Ed è azzurra anche la Moto3, con il trionfo di Niccolò Antonelli. Il pilota romagnolo, su Honda, si impone in volata davanti al compagno di squadra, il giapponese Tatsuki Suzuki e al piemontese Celestino Vietti con la Ktm del team Sky. Nella classifica del mondiale resta in vetta lo spagnolo della Ktm Aron Canet, oggi quarto, con 58 punti, uno in più di Antonelli.