Jerez de la Frontera, 6 maggio 2018 - Gara emozionante a Jerez de la Frontera, dove Marc Marquez ha vinto il Gp di Spagna, quarto appuntamento del motomondiale nella MotoGp. Lo spagnolo della Honda ha preceduto il francese Johann Zarco su Yamaha e Andrea Iannone con la Suzuki. Quarto Danilo Petrucci con la Ducati non ufficiale, davanti a Valentino Rossi, quinto con la Yamaha dopo una gara difficile. Una ingenuità di Lorenzo ha invece messo fuori causa Pedrosa, il compagno Ducati Dovizioso e se stesso a otto giri dal termine. In classifica Marc Marquez sorpassa Dovizioso e si porta in testa al mondiale. Settima alle spalle di Jack Miller (Ducati Pramac) l'altra Yamaha ufficiale di Maverick Vinales davanti a Bautista (Angel Nieto Team). Nella top ten di giornata anche Franco Morbidelli (EG 0,0 Marc VDS), nono.

L'INCIDENTE - Spettacolare l'incidente (nella foto sotto) nel quale sono usciti in un colpo solo Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso che inseguivano Marc Marquez. La dinamica: Dovizioso tenta di prendersi la seconda posizione, va largo e consente il recupero di Lorenzo. Il maiorchino, nel tentativo di rientrare, centra Pedrosa e travolge poi il compagno di team. Tutti e tre finiscono a terra, e chiudono in anticipo la gara.

false

LE PAROLE DI MARQUEZ - "Grandioso quello che siamo riusciti a fare - dice Marc Marquez -. In qualifica non avevo fatto gran tempo e non ero così convinto che saremmo riusciti a vincere. Sono stato intelligente, ho spinto, il mio compagno era al mio livello e andava anche più forte. Ho rischiato di cadere? Ho visto in pista un po' di detriti dopo la caduta di Luthi, ho rischiato di scivolare ma alla fine è andata bene, ho fatto un po' di spettacolo dai".

LA "FORTUNA" DI ZARCO - Un pizzico di fortuna piazza il francese della Yamaha Johann Zarco al secondo posto. "Ho avuto un po' di fortuna, a volte serve - spiega -. Sono partito dalla terza posizione, potevo essere più veloce rispetto a Pedrosa ma lui andava meglio e non ho avuto mai abbastanza margine per superarlo in frenata. Ho perso qualche posizione, sono andato largo alla sesta ed è stato difficile. Poi mi sono ritrovato in quinta posizone, avevo fiducia di potere andare a podio e quando ho visto che in tre sono caduti davanti a me non ci credevo neppure io".

SORPRESA IANNONE - Insperato, forse, il podio conquistato da Andrea Iannone, che a fine gara commenta: "Ho fatto purtroppo un errore con la gomma posteriore, abbiamo scelto la media, sulla griglia abbiamo cambiato e optato per la dura al posteriore, sono esperienze che si fanno - spiega l'italiano della Suzuki -. Sono contento perché abbiamo conquistato un altro podio, dobbiamo migliorare, la strada è positiva e per noi è importante continuare su questo cammino".

Rivivi la diretta della gara

L'ordine di arrivo:

1. Marc Marquez (ESP/Honda) 41:39.678

2. Johann Zarco (FRA/Yamaha Tech3) + 5.241

3. Andrea Iannone (ITA/Suzuki)+ 8.214

4. Danilo Petrucci (ITA/Ducati Pramac) + 8.617

5. Valentino Rossi (ITA/Yamaha) + 8.743

6. Jack Miller (AUS/Ducati Pramac) + 9.768

7. Maverick Vinales (ESP/Yamaha) + 13.543

8. Alvaro Bautista (ESP/Ducati Angel Nieto) + 14.076

9. Franco Morbidelli (ITA/Honda Marc VDS) + 16.822

10. Mika Kallio (FIN/KTM) + 19.405

Ritirati: Jorge Lorenzo (ESP/Ducati), Andrea Dovizioso (ITA/Ducati), Dani Pedrosa (ESP/Honda) e Cal Crutchlow (GBR/LCR Honda).

Libere 3, risultati e tempi

I tweet e i momenti clou

GIRO 25 - Marquez vince davanti a Zarco e Iannone.

GIRO 18 - Dovizioso tenta di prendersi la seconda posizione, va largo e consente il recupero di Lorenzo: il maiorchino, nel tentativo di rientrare, centra Pedrosa e travolge poi il compagno di team. Per tutti e 3 i piloti la gara finisce qui.

GIRO 14 - Rischio per Marquez, che trova sul suo percorso qualche residuo di gara lasciata sul circuito dalla moto di Luthi.

GIRO 8 - Cade Crutchlow

GIRO 5 - Errori di Zarco. Nel tentativo di attaccare Crutchlow va largo: ora è settimo, tra Dovizioso e Rossi.

GIRO 1 - Crutchlow scivola in quarta posizione.

PRIMA DELLA GARA

 

Belen Rodriguez, showgirl e fidanzata di Andrea Iannone