Bologna, 2 luglio 2018 – Prima la Colombia, poi eventualmente una tra Svizzera e Svezia, per l’Inghilterra c’è la grande occasione di tornare in semifinale dopo 28 anni, l’ultima fu a Italia ’90. Un passo per volta, i leoni inglesi possono diventare i grandi protagonisti del Mondiale.

KANE LEADER – 8 gol segnati dall’Inghilterra nella prima fase, 2-1 alla Tunisia e 6-1 a Panama, prima della sconfitta di misura con il Belgio che però non ha fatto dannare Southgate e compagnia, considerando la zona di tabellone in cui la nazionale è finita. In alcuni casi può essere meglio perdere…Il capocannoniere della squadra, e della rassegna, è Harry Kane con 5 marcature. L’attaccante del Tottenham è in piena forma e lo sta dimostrando, tra l’altro Southgate lo considera la punta di diamante di una squadra con talento, con gamba e una componente importante di gioventù. Buono anche il contributo del solido mediano Henderson, ben sorretto in mediana dalla forza di Alli e Lingard. Per il commissario tecnico inglese il modulo prescelto dovrebbe essere il 3-5-2, ma in difesa andrà sostituito l’infortunato Stones. Spazio allora a Pickford in porta, Jones, Maguire e Cahill dietro, in mediana Trippier, Henderson, Alli, Young e Lingard – che spesso si alza formando un tridente offensivo, in attacco la coppia Kane-Sterling. L’Inghilterra è imbattuta da 5 partite contro al Colombia, ma nelle ultime otto sfide a eliminazione diretta ai Mondiali ne ha vinte due. Per questo, per una tradizione sfortunata e sfavorevole a parte l’eccezione del 1966, l’Inghilterra dovrà continuare a sudarsi la gloria. Che sia la volta buona?