Milano, 19 giugno 2018 - Colpaccio a sorpresa dei Samurai. Nella sesta giornata dei Mondiali 2018, il Giappone batte la favorita Colombia per 2-1, in un match condizionato dal cartellino rosso a Carlos Sanchez (espulsione sacrosanta) e dal rigore in favore degli asiatici, poi trasformato. I sudamericani sono bravi a trovare il pareggio ma crollano nella ripresa sotto gli attacchi degli avversari in superiorità numerica e ben messi in campo. Apre le marcature Kagawa, dagli undici metri. La replica dei colombiani è di Quintero su punizione. Osako nella ripresa segna il gol decisivo. 

Il tabellino 

Marcatori: 6' rig. Kagawa (G), 39' Quintero (C), 28' st Osako (G)
Colombia: Ospina; Arias, D. Sanchez, Murillo, Mojica; Lerma, C. Sanchez; Cuadrado (31' Barrios), Quintero (14' st Rodriguez), Izquierdo (25' st Bacca); Falcao. A disp. Vargas, Jo. Cuadrado, Mina, Diaz, Zapata, Uribe, Aguilar, Borja, Muriel. All. Pekerman.
Giappone: Kawashima; Sakai, Shoji, Yoshida, Nagatomo; Shibasaki (35' st Yamaguchi), Hasebe; Inui, Kagawa 6 (24' st Honda), Haraguchi; Osako (40' st Okazaki). A disp. Higashiguchi, Nakamura, Ueda, Endo, Usami, Muto, Ohshima, Makino, G. Sakai. All. Nishino.
Arbitro: Skomina.
Note. Ammoniti: Barrios (C), Rodriguez (C). Espulso al 3' C. Sanchez (C) per tocco di mano. 

IL RIGORE E I GOL - 3' pt - Kagawa riprende una respinta del portiere Ospina e batte a colpo sicuro, ma Sanchez 'para' con un braccio. Rigore netto, che lo stesso Kagawa trasforma.
- 39' pt: punizione dal limite dell'area e Quintero trova il varco giusto sotto la barriera con un rasoterra che sorprende Kawashima.
- 28' st: su corner dalla sinistra, Ospina è incerto nell'uscita e Osako svetta di testa per realizzare il 2-1.

Helga Lovekaty

LE FORMAZIONI  - Per la Colombia il ct Josè Pekerman ha puntato sul modulo 4-2-3-1, rinunciando alla stella James Rodriguez, affaticato, in campo solo nell'ultima mezzora. Spazio in avvio invece ad Arias, Murillo, Davinson Sanchez e Mojica a protezione di Ospina; a Lerma e Carlos Sanchez (espulso al 4') lungo la linea mediana; con Juan Cuadrado (sostituito dopo mezzora circa da Barrios), Quintero e Izquierdo alle spalle dell'unica punta Falcao, voglioso di mettersi in mostra, dopo l'assenza forzata (per infortunio) nei Mondiali del 2014. Modulo speculare (4-2-3-1) per il Giappone. Il ct last minute Akira Nishino ha schierato dal primo minuto Sakai, Shoji, Yoshida e Nagatomo davanti a Kawashima; Shibasaki e Hasebe nella zona nevralgica; con Haraguchi, Kagawa e Inui a sostegno di Osako. In scena negli ultimi venti minuti Honda.

Colombia-Giappone: rivivi qui sotto la diretta