Kazan, 6 luglio 2018 -  Impresa storica per il Belgio, che batte il Brasile 2 a 1 e, dopo 32 anni, torna in una semifinale Mondiale, dove affronterà la Francia. De Bruyne e Courtois sono gli eroi della serata di Kazan: il primo firma la rete del raddoppio dopo lo sciagurato autogol di Fernandinho, mentre il secondo salva i suoi con interventi decisivi, specie quello su Neymar al 94'. Alla Selecao non basta lo squillo di Renato Augusto, entrato troppo tardi, proprio come Douglas Costa. Un tonfo eclatante quello dei carioca, presentatisi in Russia da grandi favoriti.

Brasile-Belgio, rivivi la diretta

LA CRONACA - La gara era stata descritta come potenzialmente la più spettacolare dei quarti e sin da subito le due squadre non deludono le attese, affrontandosi a viso aperto. Di conseguenza la prima occasione non tarda ad arrivare: al 7' infatti Thiago Silva colpisce di coscia da azione da calcio d'angolo e solo il palo salva il Belgio. Le emozioni non si placano e cinque minuti più tardi i Diavoli Rossi passano grazie allo sfortunato autogol di Fernandinho da tiro dalla bandierina. Colpita a freddo, la Selecao si riversa immediatamente in avanti, prendendo in mano le redini del match. Marcelo tenta di sorprendere Courtois, ma la sua conclusione è centrale e facilmente respinta dal portiere del Chelsea.

Quarti di finale Mondiali 2018, il tabellone completo. Calendario e orari tv

Il Belgio si chiude e si affida alle ripartenze spettacolari dei suoi campioni. Lukaku da peso all'attacco, mentre Hazard e De Bruyne inventano e tocca proprio al giocatore del Manchester City siglare il clamoroso raddoppio al 30' con una conclusione perfetta. I verdeoro sono in ginocchio e, a un passo dal baratro, provano a reagire rabbiosamente: prima Gabriel Jesus spreca un'ottima chance spedendo out di testa, poi Courtois evita il peggio sul cross deviato di Marcelo e soprattutto sulla conclusione di Coutinho. La risposta del Belgio non si fa attendere però, con De Bruyne che impegna Alisson su calcio di punizione. E' questo l'ultimo squillo della prima frazione.

La ripresa ovviamente si apre con la riscossa del Brasile. Neymar e soci caricano a testa bassa, schiacciando gli avversari nella loro metà campo. O'Ney va vicino alla rete al 54' con un'incursione murata dal sempre attento Courtois. La formazione di Martinez non resta a guardare e quando si distendein contropiede fa sempre paura: De Bruyne imbecca Hazard, il cui tentativo termina di un soffio sul fondo. Trascorrono i minuti e Tite capisce di aver bisogno di una scossa. Il ct brasiliano si gioca la carta Douglas Costa e lo juventino si fa subito vedere chiamando in causa Courtois. L'estremo difensore tuttavia non può nulla sul colpo di testa di Renato Augusto, che al 75' accorcia le distanze. La rete galvanizza i sudamericani, che avrebbero subito l'occasione per pareggiare, ma la mira di Firmino, Renato Augusto e Coutinho non è precisa. Il muro del Belgio vacilla ma non crolla, grazie anche a un Courtois superlativo al 94' su Neymar. Dopo Messico '86, i Diavoli Rossi tornano a festeggiare una semifinale Mondiale.