Hofer settimo nella mass start
Hofer settimo nella mass start

 

Pokljuka (Slovenia), 21 febbraio 2021 - Si sono chiusi oggi i Mondiali di Biathlon a Pokljuka, così come quelli di sci a Cortina, e l'Italia non è riuscita ad aggiornare il medagliere. Nella rassegna disputata in Slovenia la squadra azzurra ha chiuso senza alcun piazzamento sul podio, per quanto sia arrivata praticamente sempre all'ultimo poligono in corsa per giocarsi qualcosa di pesante. Anche la mass start maschile conclusiva non è riuscita a dare soddisfazioni ai nostri colori con Lukas Hofer che all'ultimo poligono ha sprecato la chance di andare a medaglia.

La gara

Come ogni gara con partenza in linea lo spettacolo non è mancato: il doppio errore di Johannes Boe ha spalancato le porte a tutti gli altri possibili vincitori e alla fine la precisione al poligono ha pagato. Laegreid si è confermato uno specialista del poligono e ha amministrato alla perfezione i suoi giri conservandosi in vista della prima sessione in piedi dove è stato perfetto. La lotta per il podio ha rischiato di vedere due sorprese, non tanto per il valore quanto per l'età: Eder e Fak sono rimasti in gara fino all'ultimo per le medaglie, ma pur uscendo in seconda e terza posizione dall'ultimo poligono sono crollati fisicamente venendo sorpassati da Johannes Dale (argento per la doppietta norvegese) e Quentin Fillon Maillet (bronzo). L'Italia alla fine chiude col settimo posto di Lukas Hofer che all'ultima sessione di tiro con lo zero probabilmente sarebbe uscito in posizione da medaglia.

Il bilancio del mondiale azzurro

L'Italia chiude senza medaglie e sicuramente con rammarico perché spesso il podio è scappato per un solo errore. Le notizie buone sono arrivate dalla crescita della staffetta maschile che potrà solo che migliorare da qui alle prossime Olimpiadi, ma anche dalla nuova dimensione di Lukas Hofer che prima o poi troverà il suo podio continuando con questa fiducia sugli sci. Passo indietro per il blocco femminile (tre ori e due argenti individuali nelle ultime due rassegne) che però la prossima stagione potrà resettare tutto e puntare a grandi traguardi che appaiono ancora alla portata. 

Leggi anche - Si chiudono con il quarto posto di Vinatzer i Mondiali di Cortina