Valentino Rossi, 42 anni, mentre salutava i suoi tifosi a Misano l’anno scorso: quest’anno per lui la doppia gara vicino a casa sarà ancora più speciale
Valentino Rossi, 42 anni, mentre salutava i suoi tifosi a Misano l’anno scorso: quest’anno per lui la doppia gara vicino a casa sarà ancora più speciale
di Riccardo Galli Niente Malesia e Misano raddoppia. Quando? Esattamente nello stesso weekend che il calendario d’inizio stagione aveva fissato per la tappa della MotoGp a Sepang, ovvero dal 22 al 24 ottobre prossimi. La decisione della Dorna è stata ufficializzata ieri, dopo che nei giorni scorsi gli effetti della pandemia avevano già messo a rischio la gara in Malesia e gli stessi organizzatori del Mondiale avevano chiesto a Misano la disponibilità di un raddoppio delle gare del 2021, proprio come era stato lo scorso anno. Immediato il sì dei responsabili del...

di Riccardo Galli

Niente Malesia e Misano raddoppia. Quando? Esattamente nello stesso weekend che il calendario d’inizio stagione aveva fissato per la tappa della MotoGp a Sepang, ovvero dal 22 al 24 ottobre prossimi. La decisione della Dorna è stata ufficializzata ieri, dopo che nei giorni scorsi gli effetti della pandemia avevano già messo a rischio la gara in Malesia e gli stessi organizzatori del Mondiale avevano chiesto a Misano la disponibilità di un raddoppio delle gare del 2021, proprio come era stato lo scorso anno. Immediato il sì dei responsabili del "Simoncelli" e calendario di nuovo salvo, nel numero delle gare e dei punti da distribuire per assegnare i titoli. Sì pechè anche la MotoGp come la Formula Uno, vuole evitare che il pacchetto di gara programmato al via del 2021 rimanga, nel numero, quello prefissato, abbinando quindi a ogni eventuale gara resettata una in sostituzione.

A rischio, a questo punto, rimane solo il Gp degli Stati Uniti, in Texas, il 3 ottobre che in caso di cancellazione potrà essere sostituito da un raddoppio di Le Mans o di Valencia.

Ma torniamo a Misano. Il primo appuntamento sarà quello del prossimo 19 settembre con il Gp di San Marino e della Riviera di Rimini, il secondo, come detto, andrà in scena poco più di un mese più tardi (il 24 ottobre). Due gli obiettivi degli organizzatori in vista del jolly del secondo appuntamento. Primo: poter arrivare a un numero maggiore di presenze sulle tribune che per il Gp di settembre sarà di 25mila per ogni giorno del week-end (il numero è stato incrementato rispetto ai 23mila previsti fino a luli); secondo: organizzare la festa perfetta per Valentino Rossi che dopo Misano 2 avrà da correre soltanto due gare, le ultime due del 2021, in Portogallo e a Valencia, prima di chiudere la sua carriera da Leggenda e calarsi nei panni di papà non più a 300 all’ora (forse).

"Il 24 ottobre – è stati il commento dei promotori dell’evento che vedrà nell’organizzazione la Regione Emilia Romagna accanto a Dorna – diventerà un’altra grande festa del motorsport e un secondo saluto della Riders’ Land a Valentino Rossi, che abbracciamo insieme a Francesca Sofia per l’annunciata gravidanza".

Anche e soprattutto per rendere davvero unica la festa per Vale "speriamo – continua la nota – sia possibile ampliare il numero degli ingressi in autodromo, perché questo vorrà dire che il nostro Paese si sarà incamminato definitivamente verso la normalità".

L’ufficialità della doppia tappa del Mondiale sul circuito romagnolo è stata sottolineata con soddisfazione anche dal massimo rappresentante della Regione. "La MotoGP che raddoppia anche quest’anno la gara a Misano è un’ottima notizia per gli appassionati e lo sport della nostra regione, a conferma che l’Emilia-Romagna riesce a garantire buone condizioni di sicurezza per tutti", sono parole di Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna.