di Leo Turrini Tra l’immagine virtuale delle monoposto datate 2022 e il nuovo format del venerdì e del sabato, la Formula Uno scopre da oggi in Inghilterra un pezzo del suo futuro. Per una curiosa coincidenza, la sperimentazione della Mini Race (100 chilometri al sabato, per determinare la griglia di partenza della domenica, con tre punti mondiali assegnati al primo classificato, due al secondo e uno al terzo) avviene su un...

di Leo Turrini

Tra l’immagine virtuale delle monoposto datate 2022 e il nuovo format del venerdì e del sabato, la Formula Uno scopre da oggi in Inghilterra un pezzo del suo futuro.

Per una curiosa coincidenza, la sperimentazione della Mini Race (100 chilometri al sabato, per determinare la griglia di partenza della domenica, con tre punti mondiali assegnati al primo classificato, due al secondo e uno al terzo) avviene su un circuito storico come Silverstone. Dove, per intenderci, settanta anni fa, nel 1951, la Ferrari festeggiò il mitico successo numero uno, con Froilan Gonzalez al volante.

Nel presente, le aspettative per il Cavallino sono decisamente più limitate. La macchina è modesta e difficilmente Leclerc e Sainz potranno compensarne i limiti sulle curve veloci.

E questo vale sia per la mini gara di domani sia per il Gran Premio vero e proprio.

La novità. A volere la soluzione senza precedenti per la assegnazione della pole è stato Stefano Domenicali.

"Non dobbiamo aver paura di cambiare – ha detto il manager italiano ai vertici della F1 – I Gran Premi sono ancora tremendamente popolari ma dobbiamo pensare alle esigenze di un pubblico più fresco, senza rinunciare alla nostra gloriosa tradizione. Vedrete, funzionerà".

L’esperimento della Mini Race verrà replicato anche a Monza e in una delle tappe finali del campionato.

L’attesa. Per ora tra i piloti prevale un cauto ottimismo sulla innovazione. Gli effetti, soprattutto sulla gara della domenica, sono imprevedibili. E di sicuro fin qui la pole assegnata sul giro secco era non di rado il momento più eccitante del week end.

Chissà.

Il duello. Format a parte, torna la sfida Verstappen-Hamilton. Mercedes porta cose studiate per contrastare Red Bull. Ma Verstappen pare molto fiducioso e pronto a sferrare il colpo del kappao. Sin dalle qualifiche di oggi, i cui tempi serviranno per la griglia di partenza della Sprint Race di domani.

Gli orari. Oggi dalle 15.30 alle 16.30 le prime prove libere e dalle 19 alle 20 le qualifiche per la gara sprint. Domani dalle 13 alle 14 la seconda sessione di libere e alle 17.30 la gara sprint.

Domenica alle 16 il Gran Premio. Diretta integrale su Sky.