Venti giorni fa ci aveva detto, in una intervista che Milano San Siro Jumping Cup era "un evento imperdibile". E puntualmente eccolo tra l’elenco dei partenti: Roberto Arioldi, un nome che non ha bisogno di presentazioni, insieme alla crème dei cavalieri italiani in gara sul nuovissimo terreno in erba dell’Ippodromo meneghino a sfidare i "big" di altre 10 nazioni:...

Venti giorni fa ci aveva detto, in una intervista che Milano San Siro Jumping Cup era "un evento imperdibile". E puntualmente eccolo tra l’elenco dei partenti: Roberto Arioldi, un nome che non ha bisogno di presentazioni, insieme alla crème dei cavalieri italiani in gara sul nuovissimo terreno in erba dell’Ippodromo meneghino a sfidare i "big" di altre 10 nazioni: Argentina, Belgio, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Principato di Monaco, Russia e Svizzera. Tra i vari nomi di spicco al via ci saranno tra gli azzurri il campione italiano in carica Luca Marziani (nella foto) e con lui in rappresentanza della Nazionale anche Paolo Paini, che recentemente ha fatto parte della squadra vincitrice della Coppa delle Nazioni a Bojopurishte. Non mancherà il "capitano" azzurro Bruno Chimirri (tra i partenti anche la giovane figlia Elisa), che proprio da Arioldi ha "ereditato" ruolo e gradi, a trascinare un vero squadrone di plurititolati, tra i quali Arnaldo Bologni, Gianni Govoni e Filippo Moyersoen. Anche fra gli stranieri ci sono nomi di massimo livello, come gli elvetici Niklaus Ritschi, Werner Muff e Clarissa Crotta e per la Germania Toni Hassmann.

L’evento resta a porte chiuse, bordocampo solo per gli addetti, al pubblico sono aperte gratuitamente le tribune Liberty dell’ippodromo meneghino: 1000 persone massimo, 550 i posti a sedere, come da regole anti-Covid, su prenotazione (prenotazione@milanojumpingcup.it). Accessibile anche l’ombreggiato Parco Botanico con vista sul teatro di gara. Aperti i servizi ristorazione della Tribuna Principale e cioè il Bar del Turf’ e la Bouvette di Leonardo. Sarà in funzione anche un maxischermo, dirette delle gare (course designer Paolo Rossato) su Sky Sport sabato 10 e domenica 11, ore 17, e l’intero palinsesto agonistico in streaming dal sito ufficiale e sui canali social Instagram e Facebook www.milanojumpingcup.it.

Paolo Manili